Donna accusa malore in Corso Garibaldi. Soccorsi rallentati da auto e bancarelle

1' di lettura Ancona 14/04/2019 - Erano le 18 di domenica quando una donna di 80 anni accusava una grave crisi respiratoria lungo Corso Garibaldi, gremito nella domenica pomeriggio per il mercato dei fiori

Automedica e Croce Gialla si precipitavano sul posto, ma gli automezzi non riuscivano a raggiungere la donna, accasciata al suolo tra piazza Roma e il bar Giuliani. Inizialmente i soccorritori tentavano di entrare da via Leopardi, ma le macchine parcheggiate impedivano l’accesso. Mentre il personale medico raggiungeva a piedi la paziente i mezzi provavano un secondo approccio dalla fine del corso, davanti al piazzale delle Muse. Ancora una volta macchine parcheggiate, persone e bancarelle rendevano impossibile all’Automedica e all’ambulanza il tragitto di poche decine di metri.

Il personale dei mezzi si rassegnava dover trasportare a piedi l’ingombrante e pesante attrezzatura necessaria alla rianimazione. Fortunatamente nonostante la pericolosa perdita di tempo gli apparecchi arrivavano in tempo e l’intervento dei paramedici faceva riprendere conoscenza all’80enne. Ancora in gravi condizioni però la paziente andava trasporta d’urgenza all’Ospedale di Torrette. Un secondo difficile spostamento a forza di braccia era richiesto ai soccorritori che spingevano la barella con sopra la donna sofferente fino in Corso Stamira, dove la donna poteva finalmente essere caricata sull’ambulanza.

La donna veniva quindi ricoverata in codice giallo avanzato presso l’Ospedale di Torrette. Le conseguenze nel ritardo nel ricovero potevano essere però ben più gravi. Ad aiutare la donna di 80 un po' di fortuna e la determinazione dei soccorritori.


di  Filippo Alfieri
redazione@vivereancona.it





Questo è un articolo pubblicato il 14-04-2019 alle 20:55 sul giornale del 15 aprile 2019 - 1866 letture

In questo articolo si parla di cronaca, ancona, articolo, Filippo Alfieri

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a6v1





logoEV
logoEV