Osteopata, approvata la legge regionale. Il comitato genitori: ''Enorme passo avanti per la sanità marchigiana''

1' di lettura Ancona 17/04/2019 - Martedì 16 aprile durante la commissione regionale, i consiglieri hanno votato con parere favorevole la legge con la quale si riconosce la figura dell'osteopata all'interno delle strutture ospedaliere. Un enorme passo avanti per la sanità marchigiana perché finalmente ora gli osteopati sono tutelati da una legge regionale.

Le Marche sono un passo avanti in questo percorso che permette al comitato genitori bambini cardiopatici di Torrette di Ancona di portare l'osteopatia nel percorso post operatorio per i bambini operati al cuore. Primo progetto a livello italiano approvato già mesi fa con parere favorevole dal primario del reparto Marco Pozzi che da sempre ha creduto che questa professione porti miglioramenti clinici ai bambini trattati.

L'osteopata del comitato genitori Alessandro D'Antonio di Macerata Feltria oggi è finalmente al settimo cielo per aver raggiunto insieme ai genitori e al primario del reparto del quinto piano di Torrette un incredibile traguardo. Questa volta i politici hanno pensato solamente al bene dei piccoli guerrieri dal cuore birichino....tutti uniti con un unico scopo, quello di migliorare la qualità di vita dei piccoli ricoverati.

Fondamentale il supporto della consigliera regionale Elena Leonardi di Fratelli d'Italia, che dal 2017 è a fianco dei genitori del comitato... Un grazie sincero, racconta mamma Valentina Felici, presidente del comitato, va anche a tutti i consiglieri regionali che hanno permesso la realizzazione e l'approvazione della legge: Federico Tale, Fabrizio Volpini, Gianni Maggi e Loretta Bravi. Finalmente la politica che fa bene al cuore!


da Comitato Genitori Bambini Cardiopatici Torrette





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 17-04-2019 alle 19:47 sul giornale del 18 aprile 2019 - 5746 letture

In questo articolo si parla di sanità, attualità, Comitato Genitori Bambini Cardiopatici Torrette

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a6Du