Calcio: doppia missione a Spalato per la Giovane Ancona

Ancona 25/04/2019 - Nuova missione in Croazia per la Scuola Calcio Giovane Ancona. La Società dorica, guidata dal Presidente Diego Franzoni e dal Patron Sergio Schiavoni, conferma la sua vocazione Europea, iniziata nel 2013 con il prestigioso progetto “Noi in Gioco per la Macroregione Adriatico Ionica”. Il calcio si fa così veicolo di amicizia, cultura, FairPlay, lotta al doping.

L’occasione di questa trasferta è doppia: da un lato la partecipazione per i biancorossi al Prestigioso Torneo Internazionale “First Steps” con 124 squadre provenienti da tutto il mondo come Bayern Monaco e Roma, e oltre 1400 giocatori iscritti; dall’altra il lancio ufficiale di un Progetto sulla cultura antidoping, per il quale la Giovane Ancona ha vinto un bando europeo.

Due le squadre che la Società Dorica ha messo in campo, portando a Spalato un totale di 53 persone tra dirigenti, tecnici e ragazzi: da un lato, per il Torneo, i giovani del 2007 guidati da Mister Claudio Campana e Luca Capotondo, con l'assitenza preziosa del Dirigente Andrea Cingolani; dall’altro, per il Progetto del “Keep Calm and Play Safe”, il Presidente Dorico Diego Franzoni, il diplomatico Claudio Grassini, da sempre fautore del ponte con i paesi dell’est Europa, e la società di consulenza Eurocube, guidata da Marco Cardinaletti, uno dei massimi esperti marchigiani di Finanziamenti Europei, affiancato da Caterina Dauria e Annalisa Paccapelo.

Sul fronte del torneo “First steps”, l’obiettivo era “imparare e divertirsi” come ha ricordato Mister Campana ai suoi ragazzi durante la navigazione verso Spalato. Il progetto “Keep Calm and play Safe” punta invece avincere davvero, nella lotta al doping, e per questo coinvolge i massimi esperti nei campi dello sport, della medicina e della sociologia di Albania, Croazia, Serbia e Bulgaria, e ha lo scopo di diffondere la cultura del rispetto delle regole e del contrasto all’uso di droghe nello sport così come nella vita, perché “doping si cheating”: drogarsi è fregare, gli altri e se stessi.

"Un'esperienza fantastica per i ragazzi 2007 - racconta Mister campana - che tornano a casa entusiasti. Come era prevedibile i risultati del torneo non sono stati positivi dal punto di vista numerico. I nostri giovani si sono però confrontati con società quali Rnk Spalato, Rnk Zadar e soprattutto Dinamo Zagabria, che è uno dei migliori settori giovanili d'Europa. Abbiamo giocato anche 2 partite amichevoli con altre squadre di Spalato, in cui i nostri ragazzi hanno dato il massimo riuscendo anche a segnare coi 2006 dell'Rnk Spalato. L'esperienza più importante e che più rimarrà nei cuori di tutti noi rimane la possibilità di avere vissuto insieme per 5 giorni in trasferta, condividendo ogni tipo di emozione e riuscendo a rafforzare lo spirito di gruppo".

Già, le famiglie. Perché c’è una terza formazione che la Giovane ha schierato in Croazia: è la squadra composta da mamme papà e fratelli che hanno accompagnato i baby calciatori dorici per questa avventura sportiva, ma pure per passare insieme le festività della Santa Pasqua. Perché la partita più bella è quella che si gioca tutti insieme, a prescindere dal risultato!








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-04-2019 alle 15:46 sul giornale del 26 aprile 2019 - 621 letture

In questo articolo si parla di sport, calcio, Asd Giovane Ancona Calcio

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a6P4