Jesi in Rima: nuovo appuntamento con "Pioggia stufereccia"

3' di lettura Ancona 06/05/2019 - Torna un racconto, uno spaccato di vita quotidiana in dialetto jesino, della poetessa e scrittrice Marinella Cimarelli. E se la pioggia continua..."Pioggia stufereccia"! Buona lettura!


Sto tempo me scojona, non c'ho pazienza
e pioe e pioe e daje che pioe
fa sempre quella.... eppo' è pure freddo

Nol di' a me.... mojema vòle che scappo a fa'
a spesa ma non c'ho vòja pernie'.
Allora come se fa?
Se fa che je digo che la robba è finida e 'l negozio è chiuso pe' lutto, cusci'
sta zitta!
Ma c'è i supermercadi!
Je digo ch'è chiusi pure quelli, sempre pel lutto!
E que c'è passada la peste nera? Sarà mejo che te rassegni...
Me dòle l'ossi, so' tutto nfreddolido, sento che la fine è vicina.
Esageradooooo....
Mi' fija è incinta e vòle le fragole, ade' ha visto pure le ciliege, sci' fossi 'n
padre bembe' la contenteria ma non me ne va mango sci' me leghi...mango
sci' me punti no' schioppo nte a schiena, me spiego?
'L tempo è n'idea tua, non te suggestionà, pensa che fòri c'è 'l sole,
l'aria è tiepida e l'api gira attorno ai fiori...
Tel digo io que è che gira, altro che l'api!
Te pure però gna' che collabori 'n tanti', mettece 'n po' de grazia no?
La grazia de 'n par de ciuffoli, bada a sta' zitto te che non te comanna mai
nisciuno!

Non me comanna no, so' solo come 'n ca', te credi che sto mejo? Magari
qualchidu' me comannasse, almeno saria grato.
Macchè grato, sogni o si' mbriago?
Qualche fai l'hai da fa' per dovere, perchè dice che si' pensionado e non fai
nie' da la madina a la sera, eppo' co' la spesa non va be' nie', piji le rosette,
volea i sfiladi' quelli lunghi, compri 'l pregiutto salado volea quello dolce, te
viè' pensado de porta' a casa i roschini tocca a acapalli e se scojona e te fa 'l
muso...non ce se cchiappa mai!
E' na' vita de stenti bella e bòna...
Ade' sci' scappo me se mmolla tutto l'orlo dei pantaloni, la giacca nte le spalle
e nte la schiena perchè pioe da tutte le parti e mango ce se cchappa a tene'
l'ombrella, capisci ch'è na' vita de stenti e de sagrificio..?
Secondo me esssssageri!
Allora vacce te a fa' la spesa, tie', ecco la lista, io te spetto al Circolo, e fa
bembe', dopo non me fa senti' a discore che te riformo!
E dopo que je rconti a tu moje, che si' passado fra na' goccia e na'ntra,
visto che mango te sei mollado?

Te fatte i fatti tua e intanto va a fa' la spesa, dopo la rimedio io, tanto sci' vòjo
co' le bugie ce fermo i treni!!!






Questo è un articolo pubblicato il 06-05-2019 alle 17:52 sul giornale del 07 maggio 2019 - 1446 letture

In questo articolo si parla di attualità, dialetto jesino, articolo, marinella cimarelli, jesi in rima

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a7aT

Leggi gli altri articoli della rubrica Jesi in rima





logoEV