Falconara, i comitati: ''Ulteriori esalazioni di idrocarburi, silenzi assordanti da parte delle istituzioni''

Raffineria Api Falconari 2' di lettura Ancona 06/06/2019 - Giovedì mattina un ennesimo episodio di esalazioni idrocarburi intense ha invaso larghe zone della città, un olezzo intenso e simile a quello della benzina, fra le 7:15 e le 7:45 del mattino. Dalle zone di Piazza Europa, via Spagnoli, Italia e Solferino in quei 30 minuti le stanze delle abitazioni con finestre aperte lato nord si sono saturate e non c'era ovviamente possibilità di "arieggiare". In trappola all'interno delle proprie abitazioni.

Dalle 7:50 circa l'intensità si è affievolita, ma nella zona nord di Falconara, quartiere Stadio, via Baldelli, scuole Zambelli, via Cesanelli, l'assenza di vento ha fatto si che alle ore 8:05 l'aria ne fosse ancora pregna. Abbiamo raccolto molte segnalazioni, anche di mancate risposte al Numero Verde 800.122.212. Cittadini disorientati e esasperati, nessuna informazione in merito, le non risposte al numero verde sono generate dalle scelte perpetrate da questa amministrazione che nei giorni feriali dalle 7:30 fa ricadere le chiamate sul piantone della Polizia Municipale, il cui centralino se già in conversazione, restituisce al chiamante un ripetitivo e quindi escludente tono di occupato.

Stentiamo a trovare ancora parole per descrivere tutto questo, che peraltro è stato uno fra i tanti aspetti critici portati all'attenzione anche della Commissione comunale ambiente del 22/01/2019, alla presenza del Sindaco Stefania Signorini e del "non" assessore all'ambiente Valentina Barchiesi. Da gennaio siamo ancora in attesa di risposte a fronte di un impegno dichiarato dalle stesse a poterne ricevere dopo un confronto all'interno della maggioranza che avrebbe richiesto circa 15-20 giorni. Sono trascorsi oltre quattro mesi.

Nel frattempo il Sindaco, presente a qualsiasi iniziativa pubblica, con foto, sorrisi e selfie, non è riuscita invece a trovare alcuna attenzione per la nostra esclusione a fronte della DGR 541/19 della Giunta Regionale, nessuna dichiarazione pubblica ma neanche una telefonata informale. Non sarebbe lecito da parte nostra pensare che proprio il Sindaco di Falconara sia stata la prima a volere quella nostra esclusione dal tavolo interistituzionale? Al momento nessuna risposta da uno qualsiasi dei gruppi consiliari presenti in Regione, a cui la settimana scorsa abbiamo rivolto la lettera aperta proprio a seguito della DGR_541/19.

Nel frattempo, in questi giorni, la rivista "e&p - Epidemiologia e prevenzione" ha pubblicato il 5* rapporto SENTIERI, che ancora una volta restituisce per Falconara Marittima una fotografia di una criticità sanitaria grave e variegata (eccessi di patologie non più solo tumorali), di cui non ci stancheremo mai di dire si parla davvero troppo poco e di cui certamente forniremo ulteriore notizia e dettagli nei prossimi giorni. Un silenzio assordante, pari all'isolamento a cui ci sentiamo relegati dalle istituzioni.


L’Ondaverde Onlus e Comitato Mal'aria Falconara/Castelferretti





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-06-2019 alle 17:09 sul giornale del 07 giugno 2019 - 3067 letture

In questo articolo si parla di attualità, raffineria api, falconara marittima, L’Ondaverde Onlus e Comitato Mal'aria Falconara/Castelferretti

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a8kV





logoEV