Maltempo, la CNA chiede lo stato di calamità

1' di lettura Ancona 10/07/2019 - Le immagini ormai sono passate sotto gli occhi di tutti: i danni causati dalla forte ondata di maltempo che ha colpito anche la provincia di Ancona sono ingentissimi.

Dal porto dorico all’ospedale di Loreto, dalle strade bloccate nel senigalliese agli allagamenti ad Ancona, ma soprattutto: spiaggia e stabilimenti completamente devastati nel lungomare a sud del capoluogo, in particolare Marcelli e Numana.

Interviene la Cna che chiede lo stato di calamità per le attività colpite: “E’ stata quasi un’apocalisse che ha lasciato devastazione dietro di sé – dice il direttore Cna Territoriale Ancona Massimiliano Santini – ci auguriamo pertanto che la Regione in primis, e quindi anche le altre istituzioni competenti, non lascino soli gli imprenditori che si sono trovati col lavoro di una vita distrutto. Cna resta a disposizione di tutti gli operatori e cittadini che vorranno effettuare segnalazioni in merito.

Siamo inoltre certi che le amministrazioni comunali interessate, nella fattispecie quella di Numana, al cui sindaco va tutta la nostra solidarietà, sappiano comprendere, alleviare, compensare o contenere la mole impattante ed eccezionale dei costi a carico delle attività che hanno subito tali danni, con modalità che la Cna è pronta a proporre e discutere nell’interesse delle imprese associate”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 10-07-2019 alle 17:40 sul giornale del 11 luglio 2019 - 393 letture

In questo articolo si parla di attualità, artigianato, maltempo, cna, numana, sirolo, cna ancona

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a9vx