Solidarietà per i bambini cardiopatici di Torrette, grande successo per la seconda edizione di 'Cuori a tutto Gas'

2' di lettura Ancona 16/07/2019 - Bruno Cingolani del Parco Motori la Chiusa anche quest’anno ha realizzato una giornata all’insegna della solidarietà per i bimbi dal cuore birichino.

Tantissimi motociclisti della Motard di Pesaro e della Pitom hanno partecipato contribuendo a raccogliere fondi per il progetto del Comitato Genitori Bambini Cardiopatici delle Torrette di Ancona “Osteopatia: un’arma in più contro il dolore“.

La Presidente Valentina Felici ringrazia Bruno, Davide Forni, Alfredo Tommasini e Antonio Giulianelli per la seconda Edizione di Cuori a tutto Gas: “Come ha detto Davide quando facciamo beneficienza il podio è virtuale perché siamo tutti primi. 2.400 euro raccolti per sostenere un progetto, quello dell’Osteopatia, primo ambulatorio per trattare le problematiche dei bambini cardiopatici post operati".

L’ambulatorio, aperto dal 9 gennaio ha trattato fino ad ora 30 bambini, offrendo 8 sedute totalmente gratuite. “Grazie alla professionalità dell’Osteopata e fisioterapista Alessandro D’Antonio - continua la Presidente - abbiamo ottenuto ottimi risultati su neonati, bambini e adolescenti, favorendo una rapida ripresa fisica".

Fin dall’inizio i genitori dei bimbi trattati hanno riportato immediati benefici dopo il trattamento, effetti positivi nell’alimentazione, tema molto delicato per i bambini con cardiopatia. Non solo i piccoli pazienti mangiano più volentieri ma vengono meno, già dopo la terza seduta, alcune difficoltà come la tensione nella deglutizione e i rigurgiti. Anche per quanto riguarda il sonno sono stati riscontrati benefici. Proprio alla luce di questi risultati il Comitato Genitori Bambini Cardiopatici ha richiesto di poter realizzare il progetto in Corsia così da migliorare la qualità di vita dei piccoli degenti post operati.

Lo scorso aprile la Regione Marche ha approvato un progetto che prevede la presenza di osteopati all’interno del reparto di cardiochirurgia pediatrica dell’ospedale di Ancona su protocolli di interventi stabiliti, ma il Ministero della salute ha impugnato questo provvedimento. Ecco allora partita la petizione on line del Comitato che nel giro di qualche giorno ha già raggiunto più di 50.000 firme .

“Grazie al sostegno di persone speciali come Bruno e gli altri organizzatori di Cuori a tutto gas, possiamo garantire un ambulatorio in cui i bambini con il cuore birichino potranno ricevere trattamenti osteopatici per migliorare la loro qualità di vita. Ma non ci arrendiamo e attendiamo che il ministero della Salute ci riceva per fargli capire l’importanza di affiancare all’eccellenza delle cure che l’equipe del Dr. Pozzi ci offre, dei trattamenti in grado di favorire la ripresa dei nostri guerrieri”.


da Comitato Genitori Bambini Cardiopatici Torrette





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 16-07-2019 alle 17:56 sul giornale del 17 luglio 2019 - 1432 letture

In questo articolo si parla di attualità, Comitato Genitori Bambini Cardiopatici Torrette

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a9HC





logoEV