Jesi: Jesi in Rima: Inno de Jesi, poesia liberamente ispirata all'Inno di Mameli

1' di lettura Ancona 22/07/2019 - Nuovo appuntamento con la rubrica di poesia Jesi in Rima, curata da Marinella Cimarelli. "INNO DE JESI" è il titolo del nuovo componimento, liberamente ispirato all'Inno di Mameli.


FRATELLI de Jesi, la Jesi s'è desta,
dell'Elmo de Scipio assai pogo ce resta!
Dov'è la Vittoria? Principia sul Viale
e passa davanti al vecchio Ospedale.
La Chioma non porge c'è troppi Barbieri,
Saloni Benessere e Gran Parucchieri.
Sci' Schiava de Roma l'IDDIO la creo'
ade' se lo scorda che' non vòle ''l Padro'!
Nua' semo libberi e Salvadighi pure,
mezzi Foràstighi co' le zocche dure...
E' bello e rsapudo, non ce doma nisciu'
co' la Caffettiera gimo sempre su e giù.
Ciabattamo pel Corso, stazionamo ai Giardini,
magnamo all'aperto, sparagnamo i guadrini.
Brontolamo che l'acqua costa trenta cente',
perchè fontanelle in giro non c'è!
Non ponemo limiti a la fantasia pura,
sto'Canto solenne non fa più paura
che Grazie a Dio i Morti oggi non c'è
è passadi Monarchi, Repubbliga e Re.
De Vittime e Martiri n'è stadi a josa
allora ve digo soltanto na' cosa,
Onestà, Rettitudine, Morale e Dovere
s'ha sempre da mette anzi 'l piacere
scinno' tutto sfocia nte' quela follia
che je se da 'l nome solo de Anarchia!






Questo è un articolo pubblicato il 22-07-2019 alle 12:28 sul giornale del 23 luglio 2019 - 468 letture

In questo articolo si parla di cultura, poesie, inno di mameli, articolo, jesi in rima

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a9TY

Leggi gli altri articoli della rubrica Jesi in rima