Notte bianca, Rubini (AIC): ''Il porto antico diventi il perno dell’intrattenimento, non delle grandi navi''

Francesco Rubini 1' di lettura Ancona 09/09/2019 - Che la notte bianca sia stato un successo è sotto gli occhi di tutti. Un risultato positivo per la città intera oltreché motivo di soddisfazione per chi da anni si prodiga per rilanciare la vita serale e notturna di questa città.

Ma la notte bianca palesa un ulteriore dato oggettivo: il porto antico è il miglior spazio cittadino per l’organizzazione di eventi , festival, esibizioni e feste. Lo è per i suoi ampi spazi, per la sua centralità, per la sua bellezza, per la sua diretta connessione con il centro città e la Mole. Non si capisce dunque perché, a fronte di questa importante opportunità di sviluppo, Comune e Autorità Portuale persistano nel voler dedicare quell’area all’accoglienza delle grandi navi da crociera sottraendo occasioni e spazi ad eventi di qualsiasi tipo.

L’occasione, dunque, mi è favorevole per ribadire la contrarietà di Altra Idea di Città alla realizzazione della nuova banchina al molo clementino, non solo per le note ragioni ambientali e paesaggistiche, ma anche per l’oggettiva incompatibilità di quel tipo di sviluppo croceristico con la possibilità di integrare e sistematizzare il porto antico come perno dell’intrattenimento cittadino. Ci auguriamo che su questo fronte si possa riaprire una riflessione comune.


da Francesco Rubini
 
capogruppo Altra Idea di Città





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 09-09-2019 alle 17:29 sul giornale del 10 settembre 2019 - 356 letture

In questo articolo si parla di politica, ancona, SeL, Consigliere Comunale, Francesco Rubini, porto antico, altra idea di città, grandi navi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/baqe





logoEV