Monza: le tolgono lo stomaco per errore, due chirurghi a processo

Medico, medicina, salute 1' di lettura Ancona 13/09/2019 - Le hanno tolto lo stomaco per l'errata diagnosi di un tumore maligno: è quanto accaduto nel 2016 ad una donna di 53 anni di Monza, madre di tre figli.

Per quell'operazione non necessaria, che secondo la Procura di Monza ha provocato alla donna una “malattia certamente o probabilmente insanabile”, sono ora finiti a processo due chirurghi dell'Irccs Multimedica di Sesto San Giovanni. I due medici che hanno prescritto, gestito ed effettuato l’intervento sono accusati di lesioni colpose gravissime.

Il legale della donna ha detto all'Ansa che la 53enne nei mesi successivi all'asportazione dello stomaco ha perso circa 30 chili. Secondo la procura di Monza, i due chirurghi hanno interpretato in maniera completamente errata la Tac e l'esame Egds e hanno formulato un’errata diagnosi di carcinoma gastrico senza aspettare l’esito delle biopsie.






Questo è un articolo pubblicato il 13-09-2019 alle 18:51 sul giornale del 14 settembre 2019 - 1024 letture

In questo articolo si parla di cronaca, medicina, salute, monza, chirurgia, lesioni personali, marco vitaloni, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/baAm





logoEV
logoEV