Milano: nomine Expo, confermata la condanna a un anno per Roberto Maroni

Roberto Maroni 1' di lettura Ancona 08/11/2019 - La Corte di Appello di Milano ha confermato la condanna a un anno nei confronti dell'ex presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni nell'ambito del processo sulle presunte pressioni indebite per l'assunzione di due sue collaboratrici.

L'esponente leghista era accusato di aver fatto assumere in Regione, quando ne era presidente, due sue collaboratrici che lavoravano con lui quando era ministro dell’Interno. Così come era successo nel processo di primo grado, l'ex ministro è stato riconosciuto colpevole per un caso, per il reato di turbata libertà degli incanti, per l'incarico affidato a Mara Carluccio in Eupolis, un’ente della Regione che si occupa di formazione.

Mentre è stato assolto dall’accusa di induzione indebita per aver tentato di far pagare alla società Expo 2015 un viaggio in Giappone a Maria Grazia Paturzo. La Corte di Appello ha confermato anche le condanne nei confronti di Andrea Gibelli, allora segretario generale della Regione (10 mesi), e dell’ex capo della segreteria di Maroni Giacomo Ciriello (1 anno).






Questo è un articolo pubblicato il 08-11-2019 alle 19:58 sul giornale del 09 novembre 2019 - 595 letture

In questo articolo si parla di cronaca, milano, condanna, Roberto Maroni, marco vitaloni, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bcAo





logoEV