Convegno internazionale di Studi Piceni. Studiosi italiani ed europei si incontrano a Palazzo Ferretti

2' di lettura Ancona 12/11/2019 - A venti anni dall'ultimo grande convegno i Piceni tornano protagonisti di un convegno internazionale al Museo Archeologico delle Marche. Relatori dall'Italia e dall'Europa per presentare novità e scoperte su un popolo ancora misterioso

Tra i popoli italici sono quello che forse il più rappresentativo della regione. I Piceni occuparono le Marche dal X al III-IV secolo a.C. lasciando importanti testimonianze della propria storia dalla Provincia di Ancona fino al confine con l'Abruzzo. Un popolo sotto molti aspetti Ancora misterioso e approfonditamente studiato da archeologi e storici, che a distanza di 20 anni dall'ultimo Convegno Internazionale si riuniranno da Giovedì 14 novembre a domenica 16 a Palazzo Ferretti per il Convegno internazionale Studi Piceni organizzato dal Polo Museale delle Marche e in particolare dal Museo Archeologico Nazionale delle Marche di Ancona e dalla Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio.

85 gli studiosi provenienti da illustri atenei italiani ed europei (Bologna, Firenze, Napoli, Milano Cattolica, Perugia, Roma, Basilea, Gent, Parigi, Mainz tra le altre) e dal Dipartimento Scienze Umane e Sociali, Patrimonio Culturale del CNR, Direzione territoriale delle reti museali di Abruzzo e Molise, Museo delle Civiltà di Roma, SABAP Bologna, SABAP Marche, SABAP Napoli.

Saranno 44 gli interventi sostenuti dagli studiosi nei tre giorni di Convegno che prenderà il via giovedì 14 alle ore 15 con i saluti di organizzatori e autorità. “Un'occasione importante anche per il Museo Archeologico delle Marche” spiega la Direttrice Nicoletta Frapiccini “Utile per la valorizzazione stessa di quello che si trova nel museo, ma anche perché emergeranno significative e importanti novità che ci potrebbero portar a rivedere il nostro allestimento. Un museo non dovrebbe essere un luogo cristallizzato, ma invece pronto ad accogliere tutte le novità e rivedere ciò che espone secondo le necessità divulgative e le componenti scientifiche”.

Grande aspettativa sulle scoperte che verranno presentate al Convegno che potranno portare nuova luce su aspetti ancora sconosciuti o cambiare il modo di vedere realtà apparentemente acquisite. Tra gli argomenti che verranno trattati alcune revisioni e riconsiderazioni sulla Necropoli di Fermo, uno studio aggiornato sulla Tomba della Regina di Numana – Sirolo, le novità sugli ultimi scavi come quelli di Belmonte Piceno o Montefortino di Arcevia. Un'ennesima novità rispetto ai precedenti studi sarà l'attenzione riservata non solo alle necropoli, ma anche agli insediamenti abitativi e alle nuove scoperte, ancora sconosciute negli anni '80.

Il Convegno è stato possibile anche grazie al sostegno dei mecenati dell'Art Bonus in memoria del Professor Mario Lumi. Gli incontri sono aperti alla cittadinanza che è invitata a partecipare.

PROGRAMMA DEL CONVEGNO


di  Filippo Alfieri
redazione@vivereancona.it







Questo è un articolo pubblicato il 12-11-2019 alle 18:05 sul giornale del 13 novembre 2019 - 1377 letture

In questo articolo si parla di cultura, ancona, articolo, Filippo Alfieri

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bcIg





logoEV
logoEV