Terroirmarche Festival, tre giorni alla Mole alla scoperta dei vignaioli bio

5' di lettura Ancona 13/11/2019 - Da sabato 16 a lunedì 18 novembre alla Mole Vanvitelliana si svolgerà - con il patrocinio del Comune di Ancona - Terroirmarche Festival, una manifestazione con alcune tra le più autorevoli personalità del settore tra laboratori, banchi di assaggio e incontri promossa dall’associazione Terroirmarche, realtà che riunisce i vini e i vignaioli biologici delle Marche.

Dopo le esperienze di Macerata e di Ascoli Piceno sarà Ancona ad ospitare l’annuale appuntamento che nasce nel 2015 per promuovere le produzioni biologiche dei vignaioli associati, provenienti da tutta la regione. Dal Verdicchio al Pecorino, dai vini del Conero a quelli del Piceno non c’è tipologia che non sarà possibile degustare in occasione dei banchi di assaggio, grande appuntamento previsto per le giornate di domenica 17 e di lunedì 18 novembre.

Terroirmarche Festival non è solo banchi di assaggio: il primo degli approfondimenti previsti per la giornata di sabato 16 novembre avrà infatti come titolo “Le Marche tra biologico e biodinamico, diversità e ricchezza”, laboratorio che sarà tenuto da Monty Waldin, uno dei primi giornalisti a occuparsi in maniera estesa di biodinamica, collaboratore della prestigiosa rivista Decanter, della pubblicazione Oxford Companion to Wine e autore dell’Italian Wine Podcast. Un momento unico per confrontarsi su uno dei temi più attuali della viticoltura di oggi. A seguire un momento dedicato a uno dei territori ospiti attraverso l’assaggio di una dozzina di vini particolarmente significativi con il curatore nazionale della guida Slow Wine edita da Slow Food Editore, Fabio Giavedoni: “Alla scoperta dei vignaioli artigiani di Friuli-Venezia Giulia e Slovenia”.

Terroirmarche Festival ospita infatti da ormai alcune edizioni un certo numero di vignaioli provenienti dalle regioni più diverse. Quest’anno ci saranno cantine provenienti dal Collio goriziano, dalla Valle del Vipacco, in Slovenia, dalla Mosella, in Germania. Realtà che hanno così la possibilità di confrontarsi non solo con il pubblico marchigiano ma anche con i loro colleghi sui temi più stringenti della viticoltura di oggi.

Felice nell’appoggiare e sostenere Terroirmarche Paolo Marasca, Assessore alla Cultura, al Turismo e alle Politiche Giovanili per il Comune di Ancona: “Abbiamo accolto con entusiasmo l'idea di un appuntamento così importante per il settore, e per il rapporto con l'ambiente che gli è sotteso. Per questo, sosteniamo direttamente gli incontri e le iniziative che, all'interno del festival, toccano temi cruciali dell'esistenza contemporanea. Siamo convinti che uno dei compiti della Mole sia quello di amplificare le eccellenze, le bellezze e le possibilità dell'intero territorio regionale, e in questo solco ci muoviamo sempre, anche nel caso del festival di Terroir".

Tematiche che rappresentano uno dei momenti centrali del Festival. Per la sera di sabato 16 novembre Terroirmarche ha organizzato un momento di confronto e di riflessione dal titolo “Terroir, bene comune. Agri-cultura nel rispetto di ambiente e paesaggio”. Una tavola rotonda che vedrà la partecipazione di alcune delle più rilevanti personalità regionali: da Sergio Vallesi, ingegnere delle Risorse Idriche ed Ecologo del Paesaggio, a Renata Alleva, specialista in Scienze dell’Alimentazione e Presidente ISDE sez. Ascoli Piceno; da Olimpia Gobbi, Storica del territorio, a Isabella Crespi, Sociologa presso l’Università degli Studi di Macerata. Scopo della serata quello di confrontarsi su quella fragilità che caratterizza i territori della Penisola, e di come il ruolo degli agricoltori possa essere centrale nella sua tutela.

È invece “Abitare la terra, vivere i paesi” il titolo dello straordinario incontro di domenica 17 novembre, in serata previsto con Franco Arminio, poeta, scrittore, “paesologo” che negli anni si è affermato come interprete e narratore delle storie dei piccoli centri dell’Italia, descrivendone con puntuale realtà la situazione, soprattutto nel Mezzogiorno. Introduce Giampaolo Gravina, wine-writer tra i più famosi e autorevoli d’Italia. Domenica 17 novembre, a margine dei banchi di assaggio, anche il tradizionale appuntamento con i Mini-Lab, approfondimenti informali sui vini e sui terroir marchigiani a cura di Loretta Liera, Fabio Fiorillo e Maurizio Silvestri.

Chiude il programma lunedì 18 novembre un laboratorio guidato da uno dei professionisti di sala più conosciuti e apprezzati in Italia: Vincenzo Donatiello, maître e sommelier del famoso ristorante Piazza Duomo di Alba, Cuneo (Tre Stelle Michelin). Titolo della degustazione ”Terroirmarche e la carta dei vini contemporanea”, un momento per parlare non solo dei vini dell’Associazione ma anche del loro ruolo nella ristorazione di oggi, sempre più attenta non solo al semplice “biologico” ma anche alla sostenibilità di tutta la filiera produttiva.

Questo l’elenco delle cantine marchigiane presenti: Aurora (Offida - Ascoli Piceno) Broccanera (Arcevia - Ancona) Cavalieri (Matelica - Macerata) Col di Corte (Montecarotto - Ancona) Failoni (Staffolo - Ancona) Fattoria Nannì (Apiro - Macerata) Fiorano (Cossignano - Ascoli Piceno) La Distesa (Cupramontana - Ancona) La Marca di San Michele (Cupramontana - Ancona) La Valle del Sole (Offida - Ascoli Piceno) Malacari (Offagna - Ancona) Moroder (Ancona) Pantaleone (Ascoli Piceno) Peruzzi (Monteroberto - Ancona) Pievalta (Maiolati Spontini - Ancona) Selvagrossa (Pesaro) Terra Argillosa (Offida - Ascoli Piceno) Tomassetti (Senigallia - Ancona) Vigneti Vallorani (Colli del Tronto - Ascoli Piceno).

L’ingresso ai banchi di assaggio è di 15 euro (10 euro per soci AIS, FIS, FISAR, ONAV, Slow Food, Aspi, AIES), i laboratori sono a pagamento su prenotazione, gli incontri a ingresso libero fino a esaurimento dei posti disponibili. Programma completo della manifestazione sul sito: www.terroirmarche.com






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-11-2019 alle 16:06 sul giornale del 14 novembre 2019 - 509 letture

In questo articolo si parla di attualità, ancona, comune di ancona, viticoltura, terroir marche

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bcKE





logoEV
logoEV