Falconara: Un successo il seminario sulla dislessia del Rotary club Falconara

3' di lettura 17/11/2019 - Gremite di educatori, ma anche genitori e ragazzi le aule del Centro Pergoli di Falconara Marittima per il seminario sulla dislessia organizzato dal Rotary Club Falconara Marittima con la partecipazione dell’IC G. Ferraris, la cooperativa sociale Gammanì e il Patrocinio del Comune di Falconara

Ha riscosso grande partecipazione il Seminario sulla dislessia “Studenti DSA e apprendimento significativo” a cui hanno partecipato oltre 60 insegnanti. Un'occasione per ascoltare e formarsi con alte professionalità del mondo dei Disturbi Specifici dell'Apprendimento (DSA) di caratura nazionale come il Dottor Luca Grandi, responsabile ricerche Anastasis e presidi locali di alto profilo come l'Istituto Gammanì, rappresentato dalla Presidente Lina Rossi e la neuropsichiatra infantile Luigina Cenci e l'Istituto comprensivo G. Ferraris con la Preside Maria Ambrogini.

A patrocinare l'Incontro il Comune di Falconara Marittima con il Sindaco Stefania Signorini nonché Dirigente scolastica dell'Istituto Cambi Serrani di Falconara “Da donna della scuola ringrazio il Rotary per questa occasione di formazione per i docenti”. Rotary che offrirà screening gratuiti, per rilevare eventuali casi di dislessia per gli studenti più giovani. “Un servizio a cui teniamo molto” specifica il Presidente del Rotary Club Falconara Marittima Aurelio Santoni “i servizi rivolta ai giovani sono quelli più importanti e con ricadute più significative”. “Il Rotary Club è in prima linea per la ricerca di nuovi approcci e metodologie. Strumenti impensabili fino a pochi anni fa che aiutano scuola e società a mettere in campo tutti i facilitatori utili a un'inclusione sociale che dovrebbe riguarda tutti” ha commentato Maurizio Marchigiani direttore della Commissione progetti Rotary Distretto 2090.

Un progetto che aiuta la scuola italiana secondo Dirigente scolastica del IC Ferraris Maria Ambrogini: “Il nostro Paese è fanalino di coda nelle classifiche internazionali scuole medie. Mi auguro una formazione dei docenti continua e obbligatoria. Gli insegnanti devono accendere dei fuochi e non riempire contenitori, per farlo occorre arricchire la cassetta degli attrezzi. Non è più pensabile una didattica standardizzata, non esiste l'alunno medio. Ognuno ha necessita e caratteristiche differenti”.

Importante il momento della testimonianza di uno studente DSA e di sua Madre. Francesco, 16 anni, racconta ai presenti il suo percorso didattico e le difficoltà per essere accettato, non solo dai compagni ma dal sistema scolastico come studente dislessico. “Francesco a 8 anni non riusciva a scrivere il suo nome, ma a scuola negavano avesse un problema. Ci siamo dovuti attivare come famiglia, ricorrendo neuropsichiatri. Grazie all'Istituto Gammanì Francesco ha appreso metodi di studio e apprendimento che oggi gli consentono di camminare sulle sue gambe. Oggi a 16 anni è il migliore delle sua classe”.

Non stupisce che oggi Francesco sia un ottimo studente, se supportati in maniera corretta gli studenti dislessici scoprono esprimono talenti spesso superiori alle media come testimoniato dal Dottore Luca Grandi: “Una volta scrivere con la sinistra veniva corretto nelle scuole. Oggi essere mancini è diventato “figo” passando da malattia curata a qualità positiva. Lo stesso capiterà con i dislessici. Si dirà che quel ragazzo è più bravo perché dislessico. I ragazzi dislessici hanno infatti più facilità con quelli che sono i livelli più complessi dell'apprendimento come analizzare e sintetizzare. Se sostenuti nei livelli base dell'apprendimento, memorizzazione e automatizzazione, possono e ottengono grandi risultati”.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 17-11-2019 alle 15:52 sul giornale del 18 novembre 2019 - 2705 letture

In questo articolo si parla di attualità, falconara, falconara marittima, rotary, rotary falconara

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bcUV





logoEV
logoEV