Falconara: Altre 12 assoluzioni per l'autovelox della discordia. ACU Marche: "Ora i responsabili rispondano"

autovelox 2' di lettura 19/01/2020 - Nella seconda tornata dei processi di Venerdì i Giudici di Pace hanno emesso altre dodici Sentenze a favore degli utenti che richiamano il mancato rispetto da parte dell’Amministrazione dell’art. 25 comma 2 della Legge 29/07/2010 n. 120 sulla Sicurezza Stradale, ovvero la distanza minima del chilometro, che non è stata rispettata dalla Amministrazione Comunale, tra il segnale limitativo della velocità ed il dispositivo Velocar

A questo punto riteniamo che gli attori in ballo a dover dare risposte siano diversi e tra questi, oltre all’Amministrazione Comunale, l’ANAS e la Prefettura di Ancona.Infatti, perché si è consentito ad una Amministrazione pubblica di tartassare ignari utenti, i più multati per aver percorso il tratto di strada a pochi chilometri in più rispetto al limite imposto illecitamente?Chi restituirà i soldi pagati dagli utenti contravvenzionati e chi restituirà i punti detratti ad automobilisti che si recavano al lavoro e sono incappati nella “veloxtrappola”?

Il nostro esperto Avv. Italo D’Angelo che segue su nostro interessamento oltre 120 utenti aveva avvisato il 25 settembre scorso l’Amministrazione di Falconara: ci sono motivi di illegittimità. Perché non accogliere il suo parere e continuare una lotta persa, accampando scuse per ritardare atti dovuti, con buona pace di chi doveva intervenire? L’ACU Marche non si fermerà ai Giudici di merito ma interesserà della vicenda i Giudici contabili perché non è possibile che, oltre al danno, vi sia la beffa di chi dovra’ pagare spese per difendersi da tesi finalizzate solo a giustificare “il fare cassa “. Una Pubblica Amministrazione che si professa trasparente non può comportarsi così come ha fatto e sta facendo.L’Amministrazione di Falconara a tutt'oggi impegna soldi e personale per notificare sanzioni che andrebbero comunque cassate, molte delle quali anche perché notificate oltre il termine di novanta giorni previsto dalla Legge. Perché, ricordiamolo: l’art. 201 del codice della strada prevede che la notificazione del verbale debba avvenire entro 90 giorni dall'infrazione. Infatti, se il verbale è notificato oltre i 90 giorni, l'obbligazione di pagare si estingue e, di conseguenza, la sanzione pecuniaria non è dovuta (art. 14 Legge 689/81).Il nostro Legale Avv. Italo D’Angelo, con Studio in Viale della Vittoria, n. 7, avvitalodangelo@gmail.com è a disposizione di chi, contravvenzionato, vuole presentare ricorso. Ricordiamo infine che chi paga la multa non può più fare ricorso.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 19-01-2020 alle 20:10 sul giornale del 20 gennaio 2020 - 1364 letture

In questo articolo si parla di attualità, autovelox, acu marche, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bfdX