Falconara celebra la Giornata della Memoria con una mostra, letture e visite guidate

2' di lettura 21/01/2020 - Letture, approfondimenti storici, una mostra e visite guidate al Museo della Resistenza: è con queste iniziative che il Comune di Falconara celebra la ‘Giornata della Memoria’ per ricordare le vittime della Shoah.

Il cartellone delle iniziative prenderà il via venerdì 24 gennaio al Centro Pergoli, dove alle 9.30 aprirà la mostra fotografica sull’olocausto dal titolo ‘Lager’, a cura dell’Aned, Associazione nazionale ex deportati nei campi nazisti. La mostra sarà visitabile fino al primo febbraio negli orari di apertura del Pergoli: da martedì a venerdì dalle 9.30 alle 18.30, il sabato dalle 9.30 alle 13.30.

Domenica 26 gennaio a partire dalle 17, sempre al Centro Pergoli, il tema della Shoah sarà al centro dell’iniziativa dal titolo ‘Shema Israel, il canto degli ebrei di Varsavia’: approfondimenti storici e letture affidati alla professoressa Giuliana Gaggiotti, alle voci recitanti di Paolo Brugiati e Rosanna Persichitti, al Maestro Caterina Serpilli che condurrà la guida all’ascolto della composizione di Schoenberg ‘Un sopravvissuto a Varsavia’. Gli studenti della scuola di musica Vincent Persichetti eseguiranno alcuni brani della tradizione ebraica.

Da lunedì 27 gennaio, ricorrenza ufficiale della ‘Giornata della Memoria’, sarà possibile partecipare alle visite guidate al Museo della Resistenza ‘Goffredo Baldelli’ di piazza Municipio, che saranno organizzate fino al primo febbraio. Si tratta di incontri rivolti alle scuole con la collaborazione lo storico falconarese Graziano Fiordelmondo, autore della ricerca ‘Un falconarese martire della Shoah’. Per partecipare si può contattare l’ufficio cultura ai numeri 071.9177526 o 071.9177527.

A concludere la rassegna, sempre lunedì 27, alle 21.15 all’Auditorium Marini di via Marsala, sarà lo spettacolo ‘Nacht und nebel’ dell’associazione artistico culturale Koinè: gli attori leggeranno alcuni brani dedicati all’Olocausto.

"La rassegna dedicata alla ‘Giornata della Memoria’ – dice il sindaco Stefania Signorini – è aperta a tutta la comunità, con un’attenzione particolare alle scuole, che hanno la possibilità di partecipare agli incontri al Museo della Resistenza e ai giovani, che si esibiranno nel pomeriggio di domenica al Pergoli. E’ importante che le nuove generazioni conoscano e capiscano l’Olocausto e l’importanza della data del 27 gennaio 1945, quando i carri armati dell'esercito sovietico sfondarono i cancelli del campo di concentramento di Auschwitz in Polonia. Celebrare la Giornata della Memoria e le vittime del genocidio significa ricordare le atrocità che furono conseguenza della discriminazione. Anche oggi, nel quotidiano, ci sono discriminazioni cui nessuno deve restare indifferente".

L’assessore Marco Giacanella, con delega alla Cultura, cita Primo Levi: ‘Se comprendere è impossibile, conoscere è necessario, perché ciò che è accaduto può ritornare, le coscienze possono nuovamente essere sedotte ed oscurate, anche le nostre’. "Dalle parole di Primo Levi riceviamo non solo un monito e un auspicio – commenta l’assessore – ma la forte responsabilità di ricordare e far ricordare orrori da non ripetere mai".






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 21-01-2020 alle 16:44 sul giornale del 22 gennaio 2020 - 530 letture

In questo articolo si parla di attualità, falconara marittima, giornata della memoria, Comune di Falconara Marittima, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bfjd





logoEV
logoEV