Coronavirus, le scuole restano aperte. Ceriscioli: ''Verso misure a livello provinciale''

1' di lettura Ancona 25/02/2020 - Non è ancora arrivata l'ordinanza annunciata dal governo per uniformare i provvedimenti da adottare in tutte le regioni che non sono focolaio del coronavirus. Per il momento quindi nelle Marche le scuole restano aperte

Nelle zone che non sono focolaio del virus "non si giustifica la chiusura delle attività scolastiche". Lo ha detto il premier Conte al termine di una riunione in videoconferenza con tutti i ministri interessati e i presidenti delle regioni.

Conte ha spiegato che nell'ordinanza che si sta mettendo a punto "l'Italia è stata divisa in 3 zone: quelle focolaio, dove valgono le misure restrittive varate, un secondo livello che si estende alle aree circostanti che presentano episodi da contagio indiretto e un terzo livello che riguarda il resto d'Italia. E nel terzo livello sicuramente non ha ragione di esistere la sospensione si attività scolastiche". Dunque nelle Marche e nel resto delle regioni finora senza casi di contagio da coronavirus le scuole dovrebbero rimanere regolarmente aperte.

Al termine della riunione ha parlato anche il governatore Luca Ceriscioli, secondo cui le linee guida che sta mettendo a punto il governo saranno "a livello provinciale". Se una provincia confina con un'altra dove è stato accertato un caso di contagio da coronavirus si potranno adottare delle misure restrittive.






Questo è un articolo pubblicato il 25-02-2020 alle 16:05 sul giornale del 26 febbraio 2020 - 2311 letture

In questo articolo si parla di attualità, marco vitaloni, articolo, coronavirus

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bgJS





logoEV
logoEV