Fantazzini (FNAARC): ''Enasarco chieda al Governo interventi a sostegno degli agenti di commercio''

2' di lettura Ancona 11/03/2020 - La FNAARC, Federazione Nazionale Associazioni Agenti e Rappresentanti di Commercio, aderente a Confcommercio, ha scritto a Gianroberto Costa, Presidente di Enasarco, l’Ente Previdenziale degli Agenti e Rappresentanti di Commercio, affinché richieda ai Ministeri competenti la possibilità di destinare oltre il 50% dell’avanzo di bilancio dell’esercizio 2019 della Fondazione, pari a circa 100 milioni di euro, per alimentare ogni misura necessaria a favore degli agenti di commercio e dei consulenti finanziari.

Oltre alle proprie risorse, versate negli anni dalla categoria all’Enasarco, FNAARC confida anche nelle risorse che il Governo sta studiando a favore del mondo delle partite iva, di cui facciamo parte. “Fatti salvi gli equilibri di bilancio della Fondazione, scrive Francesco Fantazzini, Vice Presidente Nazionale Fnaarc, si tenga conto che i nostri colleghi si trovano improvvisamente a dover affrontare la complessa e gravissima emergenza lavorativa ed economica che ha colpito, per la prima volta, in maniera così drammatica il nostro Paese ed in particolare le categorie da noi rappresentate.”

“Ogni ora si aggiungono dati drammatici per la categoria che conta 225.000 professionisti a livello nazionale, di cui circa 5.000 nella nostra Regione".

Comprovati studi di settore hanno dimostrato che il lavoro quotidiano di 225.000 Agenti e Rappresentanti Professionisti, con la costante e continua attività di intermediazione e di contatto con il territorio (commercialmente parlando), muove il 70% del PIL.

Ecco perché le analisi e le rilevazione effettuate dalla FNAARC Nazionale, preoccupano notevolmente la nostra categoria; le vendite medie degli esercizi pubblici segnano cali drammatici, con punte superiori al 50% in Lombardia, e la vendita di prodotti finanziari, per loro natura sostenuta da contatti personali, è in caduta libera. A ciò si aggiunge il problema che moltissime aziende stanno adottando una forte stretta del credito commerciale, fino a pretendere il pagamento in contanti delle forniture, contribuendo a mettere in ginocchio il settore.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 11-03-2020 alle 18:18 sul giornale del 12 marzo 2020 - 2172 letture

In questo articolo si parla di economia, confcommercio, fnaarc, comunicato stampa, coronavirus

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bhwV