Emergenza Covid-19, un terzo dei dipendenti comunali in smart working

Internet, web, computer 1' di lettura Ancona 24/03/2020 - Sono circa il 34 per cento dei 718 dipendenti totali del Comune di Ancona quelli che attualmente stanno lavorando in regime di smart working.

Lo rende noto la Direzione generale dell’Amministrazione dorica che, in occasione della emergenza da Covid 19, ha attivato le procedure per il personale - 243 dipendenti - previste dai decreti governativi e dalle direttive del Ministero della Pubblica Amministrazione.

“Il nostro obiettivo – spiega il direttore generale Maurizio Bevilacqua, - è stato quello di mettere il più possibile i nostri dipendenti in condizione di lavorare in sicurezza e parallelamente garantire l’attività della macchina comunale che proprio in questo momento è chiamata a dare risposte ai cittadini. Oltre a questo, stiamo implementando il supporto informatico per le attività. Già le sedute di giunta si svolgeranno in video conferenza, così come incontri e riunioni, e stiamo lavorando affinché già in settimana possano essere svolti anche incontri con le parti sindacali nelle stesse modalità”.

Allo studio anche la possibilità di realizzazione telematica del Consiglio comunale. “Colgo l’occasione per ringraziare tutto il personale che, nonostante l’emergenza sta proseguendo nel proprio lavoro, in particolare coloro che sono sul campo per far fronte alle esigenze dell’utenza. Un ringraziamento va anche alla nostra Polizia Locale che sta svolgendo una intensa attività quotidiana sul nostro territorio”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 24-03-2020 alle 14:32 sul giornale del 25 marzo 2020 - 772 letture

In questo articolo si parla di attualità, ancona, comune di ancona, comunicato stampa, coronavirus, smart working

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bij6





logoEV