Incentivi operatori sanitari, ASUR: "Stallo con alcuni sindacati. Contratti integrativi unilateralmente se necessario"

medico foto generica 3' di lettura Ancona 06/04/2020 - L'ASUR Marche, in questa fase in cui i propri operatori si stanno impegnando con spirito di sacrificio e senso di abnegazione, intende fare in modo che venga loro riconosciuto rapidamente tutto quanto consentito dalle norme e dai contratti di lavoro. Si ritiene questo un atto dovuto quale segnale di vicinanza ed apprezzamento.

Il personale non dirigente con lo stipendio di marzo ha ricevuto una prima somma di incentivi legati alla performance 2019 e con lo stipendio di aprile riceverà il "premio" di 100 euro di cui al D.L. 18/2020.

Con vero dispiacere non è stato ancora possibile fare altrettanto con il personale medico. La trattativa con le organizzazioni sindacali di categoria per definizione dei contratti integrativi di Area Vasta, avviata dall'agosto 2018, non si è ancora conclusa anche per questioni pregiudiziali alle quali la direzione ha dato ampia disponibilità per trattarle separatamente ed in fasi successive. Uno stallo che, fra competenze annuali e residui, tiene bloccate risorse contrattuali di oltre 26 milioni di euro.

Con nota 1334 del 01.04.2020 questa direzione ha invitato tutte le sigle sindacali ad una rapida sottoscrizione degli accordi, quale estremo tentativo di chiudere la trattativa secondo corrette relazioni sindacali.

Purtroppo deve apprendersi a mezzo stampa che alcune sigle sindacali intendono rimanere sulle proprie posizioni ignorando, a parere di questa direzione, le attese dei tanti medici impegnati sul campo.

Questa direzione, nei termini notificati alle organizzazioni sindacali con la nota del 1 aprile, intende mettere in atto quanto in suo potere per consentire l'adozione provvisoria dei contratti integrativi se necessario anche in forma unilaterale, affinché anche i dirigenti medici possano essere corrisposti, negli stretti tempi tecnici necessari, gli incentivi per gli obiettivi raggiunti e quant'altro dovuto.

Nel frattempo l'ASUR Marche, al fine di onorare i propri impegni e rimuovere e superare, per quanto possibile, le pregiudiziali sindacali, ha dato attuazione agli istituti economici del nuovo Contratto Nazionale dei medici, sottoscritto il 19.12.2019, provvedendo a corrispondere gli incrementi contrattuali, gli arretrati e ad aggiornare le voci contrattuali della retribuzione di posizione con decorrenza dal 1 gennaio 2020 (passaggio che vede la valorizzazione economica del lavoro dei medici neoassunti con un incremento di 1500 euro e l'adeguamento della retribuzione di posizione dei medici con 5 anni di esperienza al valore minimo di 5.000 euro). Per lo stesso scopo con determina adottata in data 6 aprile si è provveduto a sospendere gli effetti della determina 742/2019 (revisione dell'assetto egli incarichi della dirigenza sanitaria), al fine di favorire un proficuo confronto sull'argomento, anche alla luce di situazioni sopravvenute.

Preme anche evidenziare che questa direzione sta valutando tutti gli elementi utili che consentano di riconoscere, al personale sanitario impegnato nei covid-hospital, retribuzione aggiuntiva, come ad esempio l'indennità di malattie infettive, lo straordinario ed altre misure straordinarie in via di definizione. E' in corso la fase di studio, con i competenti uffici regionali, per la stabilizzazione del personale precario.

Nessun compenso economico può ripagare l'impegno ed il sacrificio di tanti operatori, ma l'impegno a corrisponderli senza indugio si ritiene sia un segno di vicinanza ed apprezzamento.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-04-2020 alle 16:54 sul giornale del 07 aprile 2020 - 219 letture

In questo articolo si parla di attualità, marche, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bi9i





logoEV