La biodiversità dei legumi per un'Europa più verde, al via il progetto INCREASE. Univpm capofila

4' di lettura Ancona 04/06/2020 - 28 partner internazionali di 14 paesi diversi lanceranno il nuovo progetto di ricerca europeo INCREASE in un meeting di lancio virtuale oggi giovedì 4 giugno.

Esaminando lo stato delle risorse genetiche vegetali di quattro importanti legumi alimentari tradizionali europei (ceci, fagioli, lenticchie e lupini), il consorzio mira a sviluppare strumenti e metodi di conservazione efficienti ed efficaci per favorire la biodiversità agricola in Europa e promuovere la coltivazione e il consumo delle leguminose alimentari. Per un periodo di cinque anni, il progetto riceverà un budget di 7 milioni di euro dal programma di ricerca e innovazione di Orizzonte 2020 dell'Unione europea. La caratterizzazione e il mantenimento delle risorse genetiche dei legumi alimentari e il loro sfruttamento in agricoltura costituiscono un elemento chiave per un’agricoltura sostenibile e per promuovere la salute.

Nel 2019 il rapporto IPCC (comitato intergovernativo sul cambiamento climatico) intitolato "Cambiamento climatico e uso del suolo" (https://www.ipcc.ch/report/srccl/) ha indicato la transizione alimentare verso nuove diete a base prevalentemente vegetale rappresenta una delle più " importanti opportunità di adattamento e mitigazione ai cambiamenti climatici generando significativi benefici in termini di salute umana”.

Tuttavia, soprattutto nel campo dei legumi alimentari, gli investimenti nella conservazione dell’agro-biodiversità e nella ricerca sono estremamente limitati. portando a un potenziale genetico in gran parte inesplorato di queste importanti colture alimentari di base. L'assunzione di proteine ​​vegetali umane è in aumento in molte regioni dell'UE e il mercato delle alternative a carne e latte è caratterizzato da tassi di crescita annua vertiginosi rispettivamente del 14% e dell'11% (dato europeo).

Per far fronte alla crescente domanda di prodotti innovativi e soddisfare le richieste dei cittadini di prodotti alimentari sani e rispettosi dell'ambiente, sono necessarie nuove varietà e le risorse genetiche esistenti devono essere adeguatamente sfruttate per migliorare l’adattamento delle colture agli agroecosistemi europei e per migliorare le caratteristiche qualitative tenuto anche conto dei nuovi prodotti a basi di legumi stanno avendo sempre più successo (es. pasta 100% legumi).

È qui che INCREASE intende affrontare sistematicamente le attuali carenze: concentrandosi su fagioli, ceci, lenticchie e lupini: il progetto, anche utilizzando approcci informatici d’avanguardia implementerà approccio radicalmente innovativo per conservare, gestire e caratterizzare le risorse genetiche portando benefici a diversi livelli. Promette di attirare ulteriori investimenti privati ​​e pubblici per favorire l'allevamento di legumi alimentari. Inoltre, la disponibilità e l'accesso a raccolte di risorse genetiche ben descritte e ben gestite che catturano l'intera gamma di specie è di fondamentale importanza per raggiungere un livello competitivo in termini di prestazioni agronomiche e sostenibilità nell'UE. INCREASE combinerà approcci di frontiera nella genetica e genomica delle piante combinati al coinvolgimento partecipativo di agricoltori, cittadini e associazioni ambientaliste.

"L'utilizzo delle risorse genetiche è la chiave per la loro efficace conservazione, utilizzarle vuol dire farle arrivare direttamente nei campi degli agricoltori e anche negli orti dei cittadini utilizzando approcci partecipativi", afferma Roberto Papa, Professore ordinario di Genetica agraria presso l’Università Politecnica delle Marche e Coordinatore scientifico del progetto. "INCREASE coinvolgerà molti soggetti tra cui agricoltori, trasformatori, PMI, istituti di ricerca e ONG attraverso un consorzio dedicato per favorire la loro per facilitare la loro integrazione nel progetto".

Inoltre, coinvolgeremo i cittadini Europei per testare un approccio estremamente innovativo di conservazione decentralizzata delle risorse genetiche con un esperimento di Citizen Science grazie alla partecipazione di moltissimi cittadini e agricoltori europei. All'inizio del 2021, il progetto distribuirà più di 1.000 diverse varietà di fagioli comuni ai cittadini e agli agricoltori europei che li potranno valutare coltivandoli nel loro campo, giardino di casa o terrazzo ma anche cucinandoli.

I cittadini saranno coinvolti attivamente nelle attività di valutazione e conservazione, nonché nella condivisione e nello scambio di sementi facilitata da un'app mobile “INCREASE” che sarà sviluppata per il progetto e che garantirà che lo scambio di seme avvenga secondo le regole e i principi del trattato internazionale sulle risorse genetiche. Ciò sarà garantito dalla partecipazione al progetto della FAO.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-06-2020 alle 12:33 sul giornale del 05 giugno 2020 - 240 letture

In questo articolo si parla di attualità, università, università politecnica delle marche, ancona, biodiversità, univpm, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bm88