Scuola e uffici, Cgil: ''Per l'autunno un piano ad hoc per garantire il trasporto pubblico locale''

Conerobus 1' di lettura Ancona 15/07/2020 - Ci si avvicina ad un settembre cruciale per un ordinato rientro lavorativo e scolastico - così complicato dalla permanenza dell’emergenza COVID-19 -, ma non sembra si riesca ancora a mettere mano ad un progetto complessivo di governo del trasporto pubblico sul territorio del capoluogo.

Come sindacati confederali abbiamo chiesto fin dallo scorso mese di giugno di concentrare attorno ad unico tavolo di lavoro (magari presso la Prefettura, forte della sua dimensione territoriale più ampia) uno sforzo comune delle tante Amministrazioni Pubbliche presenti in città e delle altrettante Istituzioni scolastiche affinché si potesse giungere ad un piano di diversificazione degli orari di entrata/uscita da uffici e scuole.

Occorre consapevolezza dell’ aumentata difficoltà -per il trasporto pubblico – di corrispondere alle necessità costanti di migliaia di utenti nei medesimi orari, in presenza delle norme di distanziamento previste su scala nazionale. Parallelamente, è chiaro il rischio di un congestionamento oltre ogni governabilità della città di Ancona, se nulla intervenisse per evitare un aumento esponenziale del numero di auto private circolanti (ed in cerca di parcheggio).

È di queste ore la conferma delle nostre preoccupazioni, da parte di dirigenti scolastici e delle società del trasporto pubblico locale. I giorni passano : come CGIL Ancona chiediamo che si decida finalmente un’azione forte e congiunta. Ne va della qualità di vita di tanti lavoratori e studenti e di una intera comunità.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-07-2020 alle 17:01 sul giornale del 16 luglio 2020 - 232 letture

In questo articolo si parla di scuola, politica, conerobus, trasporto pubblico locale, cgil ancona, comunicato stampa, coronavirus

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bqKc