In bici a Sassonia per spacciare cocaina: arrestato 24enne senegalese

2' di lettura Ancona 17/09/2020 - I carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Fano hanno arrestato un 24enne di origini senegalesi, ma da anni domiciliato a Fano, per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

Ripetute le segnalazioni ricevute dall’Arma da alcuni abitanti della zona Sassonia 2, quadrilatero ricompreso tra la via De’ Gasperi e la via F.lli Zuccari, raccontavano di fugaci incontri tra persone che, dopo essersi intrattenute brevemente, si allontanavano con fare sospetto. I militari quindi hanno deciso di avviare nella zona un’attenta attività di monitoraggio attraverso servizi di osservazione e pedinamento finalizzati a verificare le notizie acquisite. Nel pomeriggio di mercoledì l’epilogo: i militari hanno notato lungo via Alcide de’ Gasperi un giovane di colore che scendeva dalla sua bicicletta, per poi fermarsi a bordo strada, come fosse in attesa di qualcosa o qualcuno.

Alla vista dei militari il giovane ha inforcato repentinamente la sua bicicletta nel vano tentativo di fuggire: subito bloccato dai militari, ha opposto da subito e durante tutte le fasi del controllo una forte resistenza, rivolgendo calci e spintoni ai carabinieri, che hanno dovuto ammanettarlo e condurlo in caserma. La successiva perquisizione personale ha permesso ai militari di rinvenire circa 10 grammi di cocaina, suddivisa su due involucri di pellicola trasparente, nascosti all’interno della borsa a tracolla che il giovane indossava. La perquisizione presso il suo domicilio ha invece permesso di rinvenire in una credenza dell’angolo cottura, un contenitore in plastica per alimenti contenente parti stropicciate e strappate di pellicola trasparente, del tipo utilizzato per la conservazione di alimenti, materiale identico a quello utilizzato per il confezionamento degli involucri contenenti cocaina rinvenuti nella borsa che il giovane aveva con sè.

Un'altra risposta sul fronte del contrasto allo spaccio di stupefacenti, quella eseguita dai militari del Nucleo Operativo e Radiomobile coordinati dal capitano Maximiliano Papale, che testimonia l’impegno costante dei carabinieri della Compagnia di Fano nella prevenzione e repressione di tale tipologia di reati. Il giovane, subito dichiarato in stato di arresto, è stato processato per direttissima: dovrà scontare la pena di un anno e mesi 6 di reclusione. A suo carico sono stati disposti l’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. e l’obbligo di dimora nel comune di Fano. Verranno eseguite le misurazioni qualitative e quantitative dello stupefacente per verificarne la qualità e le singole dosi ricavabili. Risponderà di detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti e resistenza e violenza a pubblico ufficiale.








Questo è un articolo pubblicato il 17-09-2020 alle 17:49 sul giornale del 18 settembre 2020 - 215 letture

In questo articolo si parla di cronaca, giulia mancinelli, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bwlI





logoEV