Guardia di Finanza, cambio al vertice della stazione navale di Ancona

2' di lettura Ancona 19/09/2020 - Il Maggiore Giuseppe Casamassima ha assunto il comando della Stazione navale della Guardia di Finanza di Ancona. Sostituisce il Tenente Colonnello Fabrizio Cavallo che, dopo tre anni di intensa attività di servizio, lascia il capoluogo per assumere l'incarico di Comandante della Stazione navale di manovra di Cagliari

Nato a Palermo, sposato con due figli, il Maggiore Giuseppe Casamassima ha intrapreso la carriera militare nel 2005, accedendo ai corsi di formazione quinquennali dell’Accademia della Guardia di Finanza. Laureato in Scienze delle Sicurezza Economica Finanziaria ed in Giurisprudenza ha inoltre conseguito il Master di Secondo Livello in Economia Intelligence Analisi e Gestione. Il percorso professionale ha avuto inizio nel 2010 a Taranto, con l’incarico di Comandante di Unità Navale d’altura. Dal 2014 al 2016 è stato impiegato presso il Comando Operativo Aeronavale di Pratica di Mare (RM), che ha la responsabilità operativa del dispositivo di proiezione aeronavale internazionale del Corpo, con l’incarico ultimo di Capo Ufficio Analisi.

Nel 2020 ha inoltre prestato servizio per otto mesi all’estero, in qualità di Comandante del Centro di Valona, nell’ambito della missione bilaterale tra il Ministero dell’Interno italiano ed albanese.All’atto dell’insediamento, il Comandante del Reparto Operativo Aeronavale, Tenente Colonnello Rocco Nicola Savino, dopo aver formulato i migliori auguri per il nuovo incarico al Maggiore Giuseppe Casamassima, ha rivolto pari auspici al Tenente Colonnello Fabrizio Cavallo, ringraziandolo per la preziosa opera svolta presso il Reparto.

Di significativa rilevanza sono i risultati conseguiti dal medesimo nel settore della polizia economico-finanziaria, tutela dell’ambiente, del demanio e del patrimonio storico ed archeologico del paese,nonché nel contrasto ai traffici illeciti perpetrati via mare, che hanno contribuito a consolidare il preminente ruolo delle fiamme gialle sul mare e sulla costa, a presidio degli interessi economici e finanziari dello stato e dell’unione europea.

La Stazione Navale di Ancona della Guardia di Finanza è quotidianamente impegnata nel controllo economico del territorio marittimo marchigiano, per il contrasto in materia di traffici illeciti di sostanze stupefacenti, immigrazione clandestina, traffico di armi e nella repressione dei reati di natura ambientale. Il Reparto dispone per l’espletamento dei servizi d’Istituto di oltre 100 militari e di un dispositivo navale forte di 10 unità che, per caratteristiche tecniche, si prestano ad un impiego multifunzione, ricoprendo un ruolo fondamentale nel controllo degli spazi marittimi di competenza del Comando Regionale Marche, anche in relazione al decreto legislativo nr. 177/2016, con cui la Guardia di Finanza ha assunto il nuovo ruolo di unica forza di polizia in mare.






Questo è un articolo pubblicato il 19-09-2020 alle 12:12 sul giornale del 21 settembre 2020 - 268 letture

In questo articolo si parla di attualità, redazione, guardia di finanza, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bwvS