Concorso pilotato per un posto all'ospedale, due medici indagati

2' di lettura Ancona 14/10/2020 - Il concorso per un posto all'ospedale di Torrette sarebbe stato truccato per far vincere la fidanzata di un medico. È l'accusa mossa dalla procura di Ancona a due professionisti della struttura sanitaria dorica.

Nei giorni scorsi la procura ha notificato l’avviso della conclusione delle indagini svolte dai finanzieri del Nucleo di polizia economico finanziaria emesso nei confronti di due medici in servizio presso gli Ospedali Riuniti di Ancona per il reato di divulgazione di segreto d’ufficio. Le indagini della Guardia di Finanza riguardano delle presunte irregolarità che si sarebbero verificate durante lo svolgimento di un concorso pubblico indetto dall’azienda ospedaliera per un posto a tempo determinato della durata di sei mesi, riservato a uno specialista logopedista.

Ad essere indagati sono un primario, presidente della commissione d'esame per il concorso, e di un collega di 34 anni che lavora nello stesso reparto. Secondo l'accusa i due avrebbero favorito la fidanzata 27enne di quest'ultimo, fornendole in anticipo gli argomenti della prova d'esame e le risposte esatte. La 27enne è stata l'unica dei quaranta candidati a conseguire l’idoneità alla prova, ottenendo il punteggio massimo.

L’ipotesi degli inquirenti è che la prova scritta, composta da trenta domande a risposta multipla, sia stata volutamente resa particolarmente complessa, in maniera tale che solo chi fosse già in possesso delle risposte avrebbe potuto superarla.

Le indagini delle Fiamme Gialle hanno permesso di accertare che il test e le relative risposte esatte erano state materialmente predisposte dal medico 34enne sul proprio pc personale, nonostante fosse totalmente estraneo alla commissione giudicatrice. Le domande sarebbero poi state consegnate al presidente di commissione su una chiavetta usb. Il primario avrebbe quindi somministrato la prova senza la dovuta pre-condivisione con gli altri due membri della commissione, entrambi logopedisti dello stesso ospedale.

Le testimonianze raccolte dai dirigenti dell'azienda ospedaliera e di altri soggetti informati dei fatti hanno dato conferma delle modalità anomale con cui è stato svolto il concorso. L'indagine si è conclusa con la denuncia per i due professionisti.






Questo è un articolo pubblicato il 14-10-2020 alle 15:40 sul giornale del 15 ottobre 2020 - 860 letture

In questo articolo si parla di cronaca, guardia di finanza, marco vitaloni, articolo, Ospedale di Torrette di Ancona, concorso truccato

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/byA5





logoEV