Falconara: sicurezza, territorio e detassazione sono le priorita del comitato territoriale Confartigianato

3' di lettura 28/10/2020 - Sicurezza, sviluppo del territorio e nuove forme di detassazione sono stati gli argomenti del confronto tra amministratori comunali e imprenditori di Confartigianato, che lunedì 26 ottobre, all’indomani dell’ultimo decreto Conte, si sono confrontati in videoconferenza.

Per il Comune di Falconara c’erano il vicesindaco con delega al Bilancio Raimondo Mondaini e l’assessore a Commercio e Urbanistica Clemente Rossi. Il comitato territoriale di Confartigianato Falconara era rappresentato dal responsabile territoriale Luca Casagrande e dal resp. degli uffici nord Giordano Giampaoletti.

"Mai come in questo momento – ha dichiarato Casagrande – è fondamentale confrontarsi e studiare insieme agli amministratori quelle che sono e saranno le nuove direttive di sviluppo territoriale, utili a coloro che fanno impresa per capire dove investire e come rimodulare le proprie attività. Mai come oggi, in questo contesto economico è fondamentale la flessibilità e la capacità di modulare e reinventare i propri servizi di business in relazione alle mutazioni territoriali e alle dinamiche sociali che evolvono con rapidità fulminea".

Casagrande ha ricordato i dati del saldo delle imprese di Falconara, con -32 aziende nel 2019 e -25 nel primo semestre 2020, con una perdita di circa 200 posti di lavoro. Il comitato ha apprezzato lo sforzo dell’amministrazione che ha messo sul piatto della bilancia 650mila euro, di cui 450mila di riduzioni Tari, che corrispondono a 90 giorni di chiusura e a un taglio del 25% dell’importo annuale della tariffa, ben oltre la delibera Arera che aveva previsto uno sconto sulla sola parte variabile commisurato strettamente ai giorni di chiusura, come dichiarato dal vicesindaco Mondaini. Apprezzabile anche l’azzeramento dell’imposta sulla pubblicità permanente, estesa anche al settore della somministrazione.

L’assessore Rossi ha ricordato gli importanti strumenti urbanistici elaborati dal Comune, come quello della Variante per il centro storico e il conseguente piano attuativo, che consente di reinvestire nello stesso centro storico gli oneri di urbanizzazione: saranno volano per iniziative pubbliche e soprattutto private. Un altro progetto è quello di congiungere via del Consorzio con la Statale Adriatica, attraverso una strada carrabile e una pista ciclabile, per decongestionare via Marconi. Dalle Ferrovie si attende anche la messa a disposizione dell’area dedicata allo smistamento treni fra l’ex officina “Squadra Rialzo” e la linea ferroviaria lungo il litorale, da destinare ad area attrezzata a sostegno della spiaggia, passeggiate, verde attrezzato e nuova apertura al mare.

Elisabetta Serenelli titolare dell’omonimo salone di acconciatura e Stefania Spinaci, della Pasta Fresca di via Bixio, pur apprezzando i progetti, hanno sottolineato le situazioni critiche che vivono le imprese ogni giorno, soprattutto nelle zone del centro città come piazza Mazzini, dove l’abbandono e il degrado lasciano spazio ad una percezione di scarsissima sicurezza. Stessa situazione che vivono gli imprenditori delle zone periferiche come Fabio Carletti, titolare del distributore di Metano della Rocca, in cui la scarsa sicurezza rappresenta un elemento dequalificante per il territorio.

Arredo urbano e investimenti di imprenditori come Claudio Api dell’Arnia del Cuciniere, inevitabilmente preoccupato per il DPCM appena emanato, hanno reso zone della città come Falconara Alta i nuovi luoghi di aggregazione, ha dichiarato Gianluca Guidi dell’Officina Guidi, e devono rappresentare la via maestra da seguire per lo sviluppo del nostro territorio. Gli amministratori comunali hanno ribadito l’impegno a superare le criticità segnalate e a supportare gli imprenditori che, con i loro investimenti, stanno riqualificando il territorio.


da Confartigianato Imprese
Ancona - Pesaro e Urbino





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 28-10-2020 alle 12:08 sul giornale del 29 ottobre 2020 - 223 letture

In questo articolo si parla di confartigianato, imprese, urbino, politica, ancona, pesaro, pesaro e urbino, confartigianato imprese, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bzZx





logoEV
logoEV
logoEV