...

L'amministrazione comunale di Sirolo intitolerà una piazza centrale, posta tra via Sant'Antonio e via Le Vigne, alle "Vittime del Dovere", mediante anche collocazione di una statua del Cristo Redentore con una targa dal seguente letterale tenore "VITA MORTUORUM IN MEMORIA EST POSITA VIVORUM" (Marco Tullio Cicerone) - La vita dei morti è riposta nel ricordo dei vivi. L'Amministrazione Comunale pose nel 2019 in perenne ricordo delle vittime del dovere".










Edizioni Vivere
La tua opinione è importante
Su tutti gli articoli di questo giornale è possibile lasciare un commento. L'idea che tutti stanno...
Edizioni Vivere
Le tue notizie sui quotidiani Vivere
su http://vivere.biz/comunicatistampa trovi tutte le informazioni su come inviare comunicati stampa...
















...

Non gradiva la fila, così se l’è presa con l’infermiere di turno. Gli ha messo le mani al collo e l’ha colpito con un pugno. Pomeriggio ad alta tensione quello di ieri all’ospedale regionale, dove sono dovuti intervenire i carabinieri per fermare l’esagitato.




...

Truffatori che si spacciano per esponenti delle forze dell’ordine, per funzionari di enti, volontari, avvocati o amici dei familiari della vittima designata, oppure che avvicinano quanti hanno appena fatto un prelievo. Per difendersi arrivano le ‘Lezioni antitruffa’, venerdì 8 febbraio alle 17, nei locali dell’oratorio della chiesa di Sant’Andrea, a Castelferretti.




...

Va in campagna ad aiutare un amico a smontare un capanno e precipita da un’impalcatura. Paura questa mattina per un uomo di 43 anni, finito al pronto soccorso di Torrette in codice rosso per un trauma cranico e una sospetta frattura alla spalla.


...

Nella serata di martedì, la Compagnia Carabinieri di Osimo ha effettuato sul territorio di competenza un servizio coordinato finalizzato a garantire la sicurezza sulle strade; prevenire i reati contro il patrimonio; vigilare sugli obiettivi maggiormente sensibili; contrastare i reati in violazione alla disciplina sugli stupefacenti.


...

E’ stata il sindaco Stefania Signorini ad affiancare venerdì mattina il prefetto di Ancona Antonio D’Acunto nella premiazione dell’appuntato scelto Carlo Morresi, che nell’autunno 2015, quando era in servizio alla Tenenza dei carabinieri di Falconara, salvò due persone dal suicidio nel giro di tre settimane: prima un uomo che voleva gettarsi da un palazzo in costruzione di via Buozzi, poi una donna intenzionata a lanciarsi sui binari dal cavalcavia di via Roma.