...

Grazie a una mobilitazione che vede fra i più attivi promotori GUS, i centri sociali delle Marche e altre realtà della società civile, fino al 2 giugno è attiva la raccolta fondi per l’acquisto di beni di prima necessità destinati ai profughi di Afrin. Con iniziative ed eventi in tutte le piazze di Italia. L’obbiettivo è anche di riportare l’attenzione sulla grave emergenza umanitaria in corso.