contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > POLITICA
comunicato stampa

Falconara: No ai lager Cie, No alle centrali Api

2' di lettura
1224

car
Il Governo Berlusconi, in concorso con il sindaco di Falconara Marittima, sta preparando la costruzione di un nuovo CIE (Centro di identificazione ed espulsione).

I CIE, meglio conosciuti come CPT, non sono altro che lager in cui rinchiudere persone la cui unica “colpa” è non avere un permesso di soggiorno; nei CIE-CPT vengono rinchiuse persone che non hanno commesso crimini. Le condizioni di detenzione di questi centri sono durissime, e come denunciato da anni da numerose associazioni, collettivi, e singoli sono luogo di violazione dei diritti umani. Le condizioni sono così dure che numerosi sono stati i suicidi dei prigionieri e le rivolte.


I territori in cui vengono costruiti questi lager, diventano a loro volta zone militarizzate ed ad alto rischio di repressione; a dimostrazione di questo possiamo citare uno degli ultimi episodi avvenuti a Lampedusa: nel mese di febbraio (come riportato anche dal Giornale di Sicilia) un cittadino dell’isola, scambiato per un migrante, mentre stava telefonando da una cabina pubblica è stato aggredito da poliziotti, che a manganellate l’hanno mandato in ospedale. Altro che sicurezza, come vorrebbero farci credere! Respingiamo con forza il progetto di costruzione del CIE-CPT a Falconara ed in qualsiasi altro luogo. I CIE-CPT sono luoghi di violazione dei diritti umani e vanno chiusi. La costruzione dei nuovi lager CPT-CIE si inquadra nel generale progetto governativo di legittimazione delle pratiche razziste e fasciste. Il pacchetto sicurezza rappresenta un ulteriore passo verso l’eliminazione degli ultimi spazi di agibilità democratica nel nostro paese e verso la “guerra tra poveri”, una guerra che mette lavoratori di un settore contro lavoratori di un altro, lavoratori italiani contro lavoratori immigrati, immigrati contro immigrati.


E NO ALLE CENTRALI API Con la stessa logica di disprezzo dei diritti con cui si vuole militarizzare il territorio e costruire un lager, si presenta il progetto di costruzione di 2 nuove centrali termoelettriche. In una zona in cui l’inquinamento è già elevato, invece di provvedere a recuperare l’area, si procede a creare nuovo inquinamento. Falconara, Chiaravalle e Montemarciano sono già una delle 50 zone più inquinate d’Italia. Uno studio dell’Istituto Nazionale dei tumori ha riscontrato in questi comuni un sensibile aumento di leucemie, linfomi e malattie respiratorie. Respingiamo con forza il progetto di costruzione delle nuove centrali API. Rivendichiamo il diritto alla salute per i cittadini. La borghesia imperialista, la classe di padroni, affaristi, speculatori razzisti che dirige l’Italia, ci sta portando alla rovina. Per aumentare i loro profitti non esitano ad inquinare i territori ed avvelenare i cittadini; non esitano a chiudere fabbriche e licenziare lavoratori; alimentano il razzismo e la guerra tra poveri; alimentano l’insicurezza per utilizzarla come strumento di propaganda; creano le condizioni di degrado che generano la criminalità. Così non si può andare avanti, mandiamo via questo Governo ed costruiamo un Governo di Blocco Popolare. Un governo di Blocco Popolare formato e sostenuto dalle organizzazioni operaie e dalle organizzazioni popolari sparse nel territorio deve prendere in mano il paese!



car

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-03-2009 alle 18:26 sul giornale del 14 marzo 2009 - 1224 letture