contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > ATTUALITA'
comunicato stampa

Vigile indagato: Zinni, \'Gestione poco trasparente della Polizia Municipale\'

2' di lettura
1665

Giovanni Zinni

Il caso dell\'ufficiale indagato per tentata concussione, sulla cui colpevolezza non ci sono ancora certezze e che avrà modo di difendersi nelle sedi opportune, è comunque indicativo di una gestione poco attenta del Corpo della Polizia Municipale, a cui l\'amministrazione non sembra prestare la minima attenzione.

Diverse le questioni che lasciano pensare come il sindaco e l\'assessore competente non si preoccupino di esercitare alcun tipo di controllo sull\'operato dei vigili. Sono numerosi gli episodi dai contorni poco chiari, che sembrano verificarsi all\'interno del Comando. Sembra, ad esempio, che a fine settembre due agenti abbiano elevato una sanzione incappando in un errore di persona. Ora mi chiedo come sia possibile che ancora oggi capitino episodi del genere e cosa ha fatto il comandante Fulgi per ristabilire l\'ordine all\'interno di un Corpo lasciato allo sbando.


Basti pensare al concorso interno, finalizzato all\'avanzamento di carriera, che aveva scatenato forti polemiche da parte del sindacato poiché inizialmente escludeva la partecipazione di vigili non diplomati, ma che comunque avevano maturato esperienza grazie all\'anzianità di servizio. Io feci una battaglia, riuscendo ad ottenere la modifica del bando. Il risultato? Un contentino, visto che alla fine la selezione si è svolta in sordina prima di Natale, suscitando ulteriore malcontento. Il testo ambiguo del compito ha beffato alcuni partecipanti, che ora stanno meditando il ricorso al Tar. Altre proteste sindacali sono montate in seguito alla Festa del Corpo del 2008, dove alcuni appartenenti, pur avendo effettuato il normale turno di servizio, sono stati messi sullo stesso piano di chi aveva lavorato per la sola durata della manifestazione. Di fronte a tutto questo malumore cosa fa l\'amministrazione? Nulla. Al Comune interessa solo che i vigili facciano le multe per battere cassa, senza preoccuparsi che invece facciano i vigili con l\'obiettivo di garantire la sicurezza dei cittadini.


E’ ora che l’amministrazione si assuma le proprie responsabilità, spendendo ad esempio affinchè la Polizia Municipale possa permettersi i pattugliamenti notturni. E\' ora che il Comune utilizzi le risorse finanziarie per rafforzare il Corpo provvedendo alla sua formazione e dotandolo di tutti gli strumenti necessari a contrastare la delinquenza. E\' ora che il sindaco Gramillano inizi a fare il sindaco e che presti maggiore attenzione ai vigili urbani, così da garantire quella percezione di vicinanza del Comune verso i cittadini. Allego l\'interrogazione, che discuterò nel prossimo Consiglio Comunale.



Giovanni Zinni

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 12-01-2010 alle 16:34 sul giornale del 13 gennaio 2010 - 1665 letture