contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > POLITICA
comunicato stampa

Dimisioni delle Moroder, attacco dei Giovani Democratici

2' di lettura
948

giovani democratici ancona

I Giovani Democratici della Città di Ancona criticano con fermezza la decisione della Consigliera Comunale del PD Serenella Moroder di dimettersi.

Il Partito Democratico non è un autobus dell’interesse ,in cui si sale quando fa comodo e solo se sono liberi i posti più confortevoli per affrontare il viaggio. I valori che incarna questo partito, e che vede noi giovani continuamente impegnati nell’ascoltare le cittadine e i cittadini, i ragazzi che frequentano scuola e università, e tutte le categorie, sono anzitutto coerenza e senso di appartenenza, valori che evidentemente non sembrano far parte della neo iscritta all’IDV, Moroder, che al contrario ha utilizzato il PD solo per tentare una scalata tutta politica e personale.

Chiediamo alla ex iscritta al PD, di rassegnare le dimissioni anche dal ruolo di Consigliere Comunale e da Presidente della Commissione Urbanistica, poiché è stata eletta (neanche un anno fa) da cittadine e cittadini che credono tutt’ora all’idea originaria del Partito Democratico e che ora probabilmente si sentono traditi dalla Moroder. La Consigliera Comunale Serenella Moroder ha sempre rivendicato la sua non appartenenza ai vecchi partiti che hanno fatto nascere il PD, reclamando di incarnare lo spirito di quella società civile distante dall’opportunismo della politica di oggi: ma alla prova dei fatti si dimostra ancora più attaccata di altri alle vecchie logiche di poltrone, potentati e gestione del potere.

Questo è un monito anche per tutti gli iscritti al PD e soprattutto eletti con il PD, che sono tentati dai posti promessi dallo stratega Favia: anche voi svenderete la vostra faccia per 30 denari? Sappiano costoro che questo Partito, il NOSTRO PD, non può permettersi ancora di essere tradito e di tradire i cittadini elettori!


giovani democratici ancona

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 21-02-2010 alle 18:24 sul giornale del 22 febbraio 2010 - 948 letture