contatore accessi free

Cna: 'Più attenzioni per la zona di Piazza Rosselli'

lucia trenta 2' di lettura Ancona 28/10/2010 -

Si sentono dimenticati e ghettizzati, gli operatori economici che gravitano nella zona di Piazza Rosselli, di fronte alla stazione di Ancona. E’ quanto hanno dichiarato direttamente alla Cna, la quale stava svolgendo un giro di perlustrazione dei danni provocati dalla recente alluvione che ha colpito la zona del Piano e dintorni.



“Dal nostro giro – dichiara Lucia Trenta, segretaria della Cna dorica – è emerso che l'alluvione è stata l'ultima goccia che ha fatto traboccare il vaso, non solo metaforicamente. Parlando dei sistemi di scolo dell'acqua piovana, gli operatori della piazza si sono lamentati di aver già più volte segnalato il problema alle autorità competenti. Abbiamo visto anche una lettera inviata dalla proprietaria di alcuni immobili sulla piazza a Multiservizi già in data 10 agosto scorso, in cui si segnalava la necessità di interventi urgenti alla fognatura, visto che l'8 agosto era risalita acqua di fogna maleodorante dalle caditoie stradali che aveva invaso il lato alberghi della piazza e vi era rimasta per l'intera giornata. Malgrado il servizio di pronto intervento, era evidente che erano necessari interventi più approfonditi a partire da una video ispezione, che era stata rimandata fino al fatidico 29 settembre”. Gli operatori della piazza chiedevano e chiedono tuttora un tavolo di lavoro con Comune ed Anconambiente, per programmare un protocollo in caso di pronto intervento, ma soprattutto lavori importanti alla condotta ormai troppo vecchia, che riescano ad assicurare una situazione sanitaria accettabile a chi vive e lavora sulla piazza.

“Accanto a quello della fognatura – continua Lucia Trenta - gli operatori segnalano altri problemi, si sentono abbandonati, eppure sono loro in prima linea ad assicurare il "front office" nei confronti di chi viene da fuori e quindi ben conoscono lo stato di sbigottimento di chi esce dalla stazione e si trova di fronte ad una landa desolata. Tutto ciò che si vede uscendo dall'atrio è una pensilina del bus, una strada di grande traffico difficile da attraversare, un muro di auto e poi, in fondo ma molto in fondo, gli esercizi commerciali”. Ecco allora, a fronte di questa situazione, qual è la proposta Cna: ripensare la piazza, offrendo al primo impatto una zona pedonale con una grande cartina della città e le informazioni utili a chi cerca un hotel, un ristorante o il porto, spostando più in là le fermate del bus, prevedendo la piantumazione di alcune aiuole e insomma ridando a quello spazio la dignità di una piazza. “Nel frattempo – conclude la Trenta - basterebbe cominciare con poco, anche prevedere alcuni cestini per i rifiuti che scarseggiano, inducendo i passanti a gettare cicche e cartacce in terra!”






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 28-10-2010 alle 23:26 sul giornale del 29 ottobre 2010 - 688 letture

In questo articolo si parla di attualità, ancona, cna, piazza rosselli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dP0





logoEV
logoEV