contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > ATTUALITA'
comunicato stampa

Bugaro (Pdl): 'Stabile in un mare di debiti, l'allarme dalla Corte dei Conti'

2' di lettura
530

Giacomo Bugaro

Ancona: dalla Corte dei Conti un allarme sullo Stabile; Ancona ha un mare di debiti per gestioni dissennate, i cittadini ne pagheranno le conseguenze. Bugaro: "Esprimo viva preoccupazione in relazione al documento della Corte dei Conti che ha inviato al Sindaco ed ai Consiglieri Comunali per lo stato economico-finanziario e gestionale dello Stabile."

Giorni fa avevo chiesto in un’interrogazione conto della situazione generale debitoria del Comune proprio per avere un quadro aggiornato che ritengo essere estremamente preoccupante. Nella campagna elettorale del 2009 avevo preso l’impegno con i cittadini di Ancona, nel mio programma, di ristrutturare il debito del Comune a medio e lungo periodo proprio perché esso mostrava sin dall’epoca ampi profili di criticità.

Sappiamo tutti che non fui eletto Sindaco e nonostante questo indicai, per il bene della città, ma inascoltato, le azioni che dovevano essere poste in essere per tamponare la pesante condizione deficitaria, liberando anche delle risorse e che oggi al contrario si è ulteriormente aggravata per la concorrenza di questi due fattori: la crisi economica e l’inerzia dell’azione amministrativa da parte della Giunta di sinistra in carica.

Sappiano quindi i cittadini che il Comune di Ancona e le società controllate a causa delle dissennate gestioni delle Amministrazioni che la maggioranza degli anconetani si sono scelti in questi anni hanno generato diverse centinaia di milioni di euro di debiti a breve, a medio e a lungo termine e che le ricadute anche in termini di prelievo fiscale che gli anconetani dovranno necessariamente subire e sostenere per mantenere l’Ente, sono largamente dovute all’incapacità e all’insipienza degli amministratori del Partito Democratico.

In allegato il documento della Corte dei Conti.



Giacomo Bugaro

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-04-2012 alle 18:24 sul giornale del 21 aprile 2012 - 530 letture