contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > SPETTACOLI
articolo

Il comico Maurizio Crozza da spettacolo in Ancona, le più belle frasi

4' di lettura
7094

Maurizio Crozza

Si apre alla 'Forrest Gump' sul recente scandalo che ha coinvolto la Lega Nord. E' così che il noto comico politico Maurizio Crozza ha voluto omaggiare il pubblico anconetano al Palarossini giovedì sera alle ore 21. Un pubblico in visibilio che ride e chiede ancora i suoi più noti personaggi da Monti fino a Napolitano. Ecco alcune delle sue battute...

Uno scenario Forrest Gumpiano come nel noto film, ma questa volta protagonista principale é la Lega ed il suo 'cerchio magico'. Ed ecco che iniziano a passare le prime scritte ed i protagonisti d'apertura di "Giro d'Italialand", una carrellata di comicità politica che raccoglie un pò tutte le malefatte del paese. Ma questa volta la pillola va giù...grazie alla comicità del grande Maurizio Crozza. E' così parlano le scritte con i protagonisti: "La Film Rosi Mauro e il Forrest Bossi per la Regia di Bob Maroni". Perché ha proseguito Crozza, modificando la nota frase del Film Forrest Gump "La Lega é come una scatola di cioccolatini...non si sa mai quello che ti capita!"

E poi ancora sulla Lega: "Ho fatto un solo sbaglio nella vità - afferma Crozza in veste Bossiana - il Trota alla Lega. Ma se non lo facevo entrare alla Lega - s'interroga il finto Bossi - dove lo facevo entrare...alla Nasa??". Continua "Volevo rendere indipendente la Padania...ed, invece, ho reso indipendente il Trota...rivolgendosi ad un laureato costretto a sbarcare il lunario lavorando in un call center".

Non poteva mancare una piccatina anche alle Banche: "Le banche sono come una scatola di cioccolatini, se ne mangi troppi ti viene lo..spread!". E poi mitico l'incontro già sentito del Leghista con il Mafioso: dove mentre la mafia investe in droga ed armi, la Lega in diplomi e diamanti. Ed é qui che Crozza esordisce dicendo: "Sembra un film di 007...lo '00Trota' - e poi sottolinea - dai diamanti non nasce niente, dal letame invece...i fiori!"

Giro d'Italialand offre un'immaginario politico ed ironico a 360 gradi sui temi d'attualità come quello della riforma del lavoro e dell'articolo 18, o più in generale i vizietti degli italiani raccogliendo pagine di cronaca da Nord a Sud, ed é in quest'ultimo che incappa nell'evasione del fisco, nei medici che nel casertano non rilasciano fatture con un'evasione del 100% e Crozza "Senta dottore mi fa la fattura? ed il dottore, ma per chi mi ha preso per uno stregone?" "E si perché - aggiunge Crozza - perché loro, storpiando la sigla di una nota associazione di medici, sono Medici senza tastiere" .

E poi dedica all'Italia ed al pubblico anconetano altri personaggi: il Robot Monti: "Sono Mario Monti...questo governo si autodistruggerà nel 2013", e poi il pianto del Ministro Elsa Fornero, dove dando la parola a Monti Crozza dice: "Ho scelto un ministro che perde gocce di raffreddamento dai bulbi oculari...".

E poi gli aumenti tra i quali la benzina: "La benzina - dice Crozza- é diventata come il Brunello di Montalcino...senta mi fa un calice di verde?".

Risolvere il problema dei lincenziamenti non sarebbe difficile afferma Crozza: "Il governo tecnico é come un tappeto pieno di polvere, se lo alzi ci sono gli acari (riferendosi ai parlamentari ndr). Basterebbe licenziare un parlamentare, invece che licenziare tanti operai..."

Altra figura crozziana indimenticabile é Bersani con un'ironia 'nosense': "Siam mica qui a fare il pesto con le foglie di Marijuana?!", "Siam mica qui a tirare il gomitolo al gatto delle nevi?!", "Siam mica qui a dividere la plastica dalla Santanché". E poi, per lui l'ABC della politica, riferendosi al noto trio Alfano, Bersani e Casini...son tutti da rottamare.

Insomma "Italialand" dice quasi in chiusura Crozza, prima di passare ad uno spettacolo a di risate a crepapelle con 'Kazzenger' tratto dal programma 'Voyager', "é la penisola che non c'é...o meglio per esserci c'é..é che non risulta al catasto!" E per ricordare una tragedia ed ironicamente una delle abilità del popolo italiano Cozza dice: "l'Italia é un popolo di navigatori...pensiamo a Schettino o a Colombo che voleva arrivare in Cina...(ed invece ha scoperto l'America! ndr)".





Maurizio Crozza

Questo è un articolo pubblicato il 20-04-2012 alle 12:03 sul giornale del 21 aprile 2012 - 7094 letture