Siulp: Questura di Ancona, 'Taglio dello straordinario delle Volanti e altri servizi operativi, operazione contraddittoria'

Siulp 2' di lettura Ancona 30/11/2012 - Avevamo chiesto un incontro al Questore di Ancona in merito ai tagli effettuati, a livello locale, sullo straordinario effettuato dai colleghi delle Volanti e di altri servizi operativi. Straordinari effettuati su strada frutto di arresti, controlli, interventi su chiamata del cittadino, praticamente prolungamento obbligatorio del proprio orario di lavoro a cui per legge non si può ne si deve sottrarsi.

Il Questore ritenendo, forse, l’argomento di secondaria importanza, non ha presenziato all’incontro, avvenuto con il Vicario che naturalmente, per difetto di delega, sui i nodi centrali posti dal SIULP non poteva prendere nessun impegno. Non si può annunciare un potenziamento del controllo del territorio in Ancona e nelle città sede di Commissariato, tagliando lo straordinario effettuato obbligatoriamente dalle Volanti per garantire sicurezza ai cittadini.

Il Questore ha tutti gli strumenti per poter dare risposte. Dispone direttamente per i servizi ordinari di circa €80.000 mensili che può erogare direttamente sia per progetti mirati che e per pagare tutti gli interventi operativi obbligatori che vanno oltre il normale orario di servizio. Se si pensa che un’ora di straordinario supera a malapena i €10 lordi e facile comprendere quanti servizi si potrebbero organizzare e quanti ore effettuate di servizio al cittadino si potrebbero corrispondere. Inoltre lo stesso dispone di risorse economiche quasi illimitate per quanto riguarda tutti i servizi di ordine e sicurezza pubblica straordinari che decide di effettuare in completa autonomia, oltre a questo, ha il pieno controllo di tutte le leve organizzative dell’apparato.

Noi crediamo che non vi siano scusanti e che il Questore debba indicare gli obiettivi e fare le conseguenti scelte e dirci se il servizio di Volante e tutti i servizi operativi sono necessari e insostituibili nel dare sicurezza ai cittadini. In caso di risposta affermativa come siamo convinti bisogna che seguono i fatti concreti. Su questo punto il SIULP sta valutando con il proprio ufficio legale la fattibilità di lanciare una class action per il pagamento delle ore dovute, inoltre in mancanza di risposte significative, metterà in campo forme di protesta pubbliche.


da Siulp
sindacato italiano unitario lavoratori di Polizia




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-11-2012 alle 16:22 sul giornale del 01 dicembre 2012 - 698 letture

In questo articolo si parla di attualità, ancona, Siulp

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/GH5





logoEV
logoEV