contatore accessi free

Ancona: si uccide per far ottenere la casa popolare al figlio

ambulanza 1' di lettura Ancona 13/05/2013 - Si uccide per far avere la casa popolare al figlio, alla nuora e al nipotino. Jolanda Margherita Fajdek, 49 anni, di origine polacca ma residente ad Ancona da quasi dieci anni, si è tolta la vita impiccandosi nell’abitazione del compagno, nella quale si era trasferita da qualche giorno.

La 49enne non ha lasciato biglietti. E’ il figlio P. F., volontario della Croce Gialla, a spiegare il gesto drammatico della donna. Quando sabato sera la madre lo aveva salutato, gli aveva detto “Stai tranquillo che la casa tu l'avrai!”. Ma solo adesso, il figlio ha capito il senso di quella frase.

Da un anno, stando a loro, chiedevano aiuto ai servizi sociali. Erano stati sfrattati e nel frattempo il giovane era diventato padre. Ma per il Comune non avevano i requisiti per l'alloggio popolare: lui, con la sua nuova famiglia e con sua madre, facevano un unico reddito perché residenti allo stesso indirizzo e per questo non raggiungevano i requisiti per avere la casa popolare.

Da pochi giorni la donna si era trasferita a casa del compagno. Attorno alle 17.45, l’uomo l’ha ritrovata nell'abitazione: ha tagliato subito la corda, ha adagiato il corpo a terra e ha chiamato il 118. Sul posto sono arrivate un'ambulanza e la polizia, ma la donna era ormai deceduta.


di Micol Misiti
redazione@vivereancona.it





Questo è un articolo pubblicato il 13-05-2013 alle 19:27 sul giornale del 14 maggio 2013 - 2904 letture

In questo articolo si parla di cronaca, polizia, suicidio, redazione, ancona, comune di ancona, ambulanza, croce gialla, via ascoli piceno, collaboratori, vivereancona, Micol Misiti, vivereancona.it, casa popolare

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/MUy





logoEV
logoEV