contatore accessi free

Ancona: a scuola quasi diecimila studenti, riaprono 'Savio' e 'Volta'. Verifiche vulnerabilità sismica

5' di lettura Ancona 03/09/2013 - Sono quasi 10 mila gli studenti anconetani che giovedì 12 settembre torneranno sui banchi di scuola. I 9218 alunni delle scuole d'infanzia, primarie e secondarie di primo grado confermano sostanzialmente le iscrizioni dello scorso anno scolastico.

Sono 63 le scuole che riapriranno i battenti. La novità di quest'anno è la riapertura delle scuole primarie Domenico Savio e secondaria di primo grado A. Volta, che riaprono dopo una chiusura rispettivamente di cinque e quattro anni. Lo hanno annunciato in un incontro stampa ad Ancona, il sindaco, Valeria Mancinelli e gli assessori alle Politiche educative Tiziana Borini e ai Lavori pubblici Maurizio Urbinati.

Quattro plessi resteranno ancora chiusi per problemi strutturali: la scuola d'infanzia Garibaldi, trasferita alle Faiani; la primaria Socciarelli andata alle Tombari, la primaria Antognini, divisa tra le Donatello e le Ferrucci e la secondaria Leopardi confluita nelle Ferrucci. Pressoché invariato anche il numero degli studenti stranieri, con punte massime del 43,56% a Posatora, al Piano e agli Archi, del 21,85% all' Istituto Comprensivo 'Novelli Natalucci' e del 19,46% alla Cittadella e al Centro.

TRASPORTO SCOLASTICO: Per l'anno scolastico 2013-2014 sono circa 1200 le famiglie che hanno richiesto il servizio di trasporto scolastico. " Saranno servite complessivamente 36 scuole - ha detto l'Assessore Borini - di cui 13 d'infanzia, 14 scuole primarie e 9 scuole secondarie di primo grado. Saranno 114 le corse giornaliere (andata e ritorno) che si effettueranno con i 23 scuolabus comunali, più 4 corse con automezzi di linea". In alcune scuole saranno utilizzati due o più scuolabus in considerazione dell'elevato numero di iscritti e dell'estensione del bacino di utenza. Il servizio di trasporto scolastico avrà inizio il 12 settembre, primo giorno di scuola.

SERVIZIO MENSA: I refettori rimarranno gli stessi dello scorso anno, ma aumenteranno quelli dati in gestione a terzi. Saranno quindi operativi 38 refettori di cui 36 appaltati e 2 a gestione comunale. I pasti vengono prodotti nei cinque centri di cottura da personale comunale (Babyfood, Redipuglia, Gramsci, Fantasia e Montedago) e vengono trasportati e distribuiti nei refettori dal personale di una cooperativa sociale tipo B che, quindi, offre una possibilità di inserimento lavorativo a persone svantaggiate che altrimenti avrebbero serie difficoltà a trovare un' occupazione. Il menù si basa sia su alimenti biologici che convenzionali, differenziato a seconda della stagionalità dei prodotti. Inoltre, il servizio di ristorazione scolastica fornisce anche menù particolari, in base alle motivazioni di ordine sanitario o socio-religiose. I menù personalizzati per intolleranze alimentari sono in costante aumento.

Dopo i tagli annunciati dal Commissario Prefettizio Antonio Corona sulle merendine nelle scuole materne, il Sindaco Mancinelli ha assicurato: "Per quest'anno il servizio merendine rimane nelle scuole. Dal 2015 manterremo le risorse economiche che vengono spese per questo servizio (300 mila euro all' anno), ma le utilizzeremo per il potenziamento di altri servizi, prioritari rispetto alle merendine. Manterremo comunque le possibilità lavorative per chi svolgeva quel servizio, ma si occuperanno di altri settori".

EDILIZIA SCOLASTICA - INTERVENTI NELLE SCUOLE: "In seguito ai recenti eventi sismici - ha assicurato l'Assessore Urbinati - tutti gli edifici scolastici sono stati controllati e non sono stati rilevati danni". Sono intanto in corso le verifiche di vulnerabilità sismica, finalizzate al miglioramento della capacità di risposta sismica degli edifici. Alla luce dell'età del patrimonio edilizio scolastico del comune di Ancona sono soggette a verifica, ai sensi di un'ordinanza della Presidenza del Consiglio dei Ministri del 2003, 52 scuole. Allo stato attuale è stata effettuata la verifica su 8 scuole: media Volta, elementare Montesicuro, elementare del Ghettarello, materna Piaget, elementare Savio, materna Garibaldi, elementare Antognini, media Leopardi. "L'Amministrazione ha in progetto di eseguire in tempi brevi, al massimo qualche mese - ha continuato Urbinati - tutte le verifiche di vulnerabilità sismica dei 44 edifici scolastici comunali rimanenti. La verifica di vulnerabilità, prevista dalle norme, serve a stabilire il grado di vulnerabilità effettiva di un edificio rispetto ad una costruzione tipo che alle conoscenze attuali sarebbe costruito tenendo conto dei più avanzati standard di sicurezza. Ne otterremo così uno screening completo del nostro patrimonio scolastico che ci guiderà ad una più corretta e consapevole pianificazione di interventi di miglioramento sismico".

Nell'ambito del "Primo programma straordinario di interventi urgenti finalizzati alla prevenzione e riduzione del rischio connesso alla vulnerabilità degli elementi anche non strutturali negli edifici scolastici"sono stati finanziati gli interventi relativi a quattro scuole del Comune di Ancona per un importo complessivo di 2 milioni e 117 mila euro. Nelle scuole Faiani, Ginestra e Rodari, i lavori sono iniziati nell'estate 2013 e proseguiranno senza la necessità di chiudere le scuole. La scuola media Leopardi, poiché in base all'età e al tipo di struttura è tra quelle prioritarie nella necessità di verifiche sismiche, è stato deciso di integrare il finanziamento statale con un cofinanziamento con fondi comunali per un milione di euro per interventi strutturali, portando pertanto l'importo complessivo dell'intervento sulla scuola a 1 milione e 520mila euro. Il progetto e la realizzazione della messa in sicurezza della scuola sono stati affidati direttamente al Ministero, tramite il Provveditorato Interregionale opere pubbliche. E' stata effettuata la vulnerabilità sismica, che ha fatto dichiarare la scuola inagibile staticamente, è stato consegnato il progetto definitivo - esecutivo e i lavori potrebbero iniziare nel giro di qualche mese, compatibilmente col reperimento del cofinanziamento del Comune (620 mila euro).

TEMPO PROLUNGATO - TEMPO PIENO: Il tempo prolungato è assicurato nelle primarie degli Istituti comprensivi Novelli Natalucci - De Amicis; Scocchera -Pietralacroce - Conero; Cittadella Centro - Antognini; Posatora Piano Archi - A. Frank; Grazie Tavernelle - Savio - Maggini; Pinocchio Montesicuro - Collodi; Quartieri Nuovi - Falcone e Ancona Nord - Mercantini. Tempo pieno, invece, nella primarie degli Istituti comprensivi Novelli Natalucci, cui si è aggiunta la De Amicis, allo Scocchera - Montessori; Cittadella Centro - Faiani; Posatora Piano Archi - Marinelli - Elia; Grazie Tavernelle - Maggini; Pinocchio Montesicuro - Socciarelli c/o Tombari e Quartieri Nuovi - Rodari.


di Micol Sara Misiti
redazione@vivereancona.it











logoEV
logoEV
logoEV