contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > CRONACA
articolo

Je Suis Charlie, i fatti tragici di Parigi scuotono anche Ancona

1' di lettura
2124

Giovani anconetani a confronto sui fatti tragici di Parigi. L'urlo di 'Je suis Charlie' riecheggia anche in piazza Pertini ad Ancona.

"Un'opinione che sia solo nostra, un pensiero che appartiene solo a noi, una personale riflessione sulla vicenda che scaturisca da noi. Portiamolo e condividiamolo o su carta o su labbra, non fa differenza". E' così che il 9 gennaio si annunciava su un noto social, Facebook, un faccia a faccia anche ad Ancona sui sanguinosi fatti di Parigi, dove hanno visto la morte 12 persone tra cui 8 giornalisti della redazione di Charlie Hebdo, due poliziotti, un ospite e il portiere solo nell'attentato. Matite affilate anche nel Capoluogo dorico, dunque, come a Parigi per dire 'no' a qualsiasi tipo di bavaglio.

Un modo per aprire, anche ad Ancona, un dialogo "consapevole e ragionato" e soprattutto per condividere opinioni su un fatto europeo apparentemente lontano, ma eppure molto vicino a tutti noi che ha sconvolto molte coscenze.

Anche i giovani di Ancona hanno espresso sabato pomeriggio alle 17 le loro impressioni sul terribile accaduto, per comprendere ciò che "succede" e per smettere di "subire passivamente".





Questo è un articolo pubblicato il 11-01-2015 alle 20:03 sul giornale del 12 gennaio 2015 - 2124 letture