contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > ATTUALITA'
comunicato stampa

Mercato delle Erbe e "degrado": Giovani di Fdi-An a sostegno degli operatori

1' di lettura
3858

I militanti giovanili di Fratelli d'Italia-Alleanza Nazionale, guidati dal Componente dell'Esecutivo Nazionale Giovanile Angelo Eliantonio e dal Dirigente Provinciale di Gioventù Nazionale Francesco Marzocchi, hanno manifestato in sostegno degli operatori del Mercato delle Erbe, struttura sempre più in degrado e ormai dimenticata dall'amministrazione comunale nonostante le continue richieste di interventi di manutenzione ordinaria.

Ha partecipato e sostenuto l'iniziativa anche il Consigliere Regionale di FdI-AN Giovanni Zinni. Gli attivisti hanno svolto un volantinaggio e si sono intrattenuti a confrontarsi con gli operatori del mercato.

"Bottiglie rotte, cartoni di vino, segni di bivacchi e rifiuti abbandonati da senzatetto non sono ammissibili in un mercato dove si vendono generi alimentari - afferma Eliantonio - e poi ancora vetrate esterne rotte e siringhe. Anni di promesse, nessuna riqualificazione! Chiediamo che il Comune intervenga per davvero e che ascolti gli operatori del mercato, ripristinando subito le vetrate danneggiate e potenziando la vigilanza notturna della struttura, sia pubblica(forze dell’ordine, Polizia Municipale) sia privata se necessario.

Quando la struttura è stata teatro di iniziative gastronomiche, come ad esempio durante l'ultima Notte Bianca, la città ha risposto molto positivamente, segno che è un luogo caro a tutti gli anconetani; tutti tranne le ultime amministrazioni comunali che ne stanno volendo il degrado più assoluto. Il Mercato delle Erbe, costruito nel 1926 dagli operai del cantiere navale usando il metallo delle navi austriache catturate e dismesse, è stato uno dei simboli di un’Ancona “fiorente”; ora è solo l’emblema di un’Ancona “morente”… "

Angelo ELIANTONIO Componente Esecutivo Nazionale Giovanile Fratelli d'Italia-Alleanza Nazionale





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 16-01-2015 alle 16:39 sul giornale del 17 gennaio 2015 - 3858 letture