contatore accessi free

Uscita ad ovest: Nencini assicura il futuro del porto. "Blindata" anche l'Autorità Portuale

Nencini ad Ancona 2' di lettura Ancona 16/01/2015 - Uscita Ovest e Autorità Portuale, il vice ministro alle infrastrutture Riccardo Nencini assicura il futuro del porto. Sei anni per il collegamento tra lo scalo e l'A14, mentre è data per certa l'autonomia dell'Ap e la conferma di Rodolfo Giampieri come presidente.

A garantirlo è stato il vice ministro Nencini, durante la sua visita nelle Marche. Dopo il taglio del nastro a Serravalle di Chienti del cantiere Quadrilatero, Nencini ha partecipato al Consiglio comunale monotematico sull'Uscita Ovest. «La realizzazione dell'opera oggi è prioritaria, con l'impresa stiamo accelerando i tempi» ha dichiarato Nencini, rispondendo ai dubbi dei consiglieri e cittadini. Il contratto è stato trasmesso alla Corte dei Conti, sarebbe questione di giorni per la registrazione. Poi potrà partire la progettazione definitiva e quella esecutiva: 27 mesi per il progetto, 45 mesi per il cantiere vero e proprio, 6 mesi per i collaudi. In tutto, circa 6 anni, quindi il taglio del nastro è previsto tra il 2020 e il 2021. L'infrastruttura è pericolosa? «Il progetto ha superato la valutazione di impatto ambientale e tutte le prescrizioni avanzate dal Comune saranno recepite obbligatoriamente». Sarà davvero un'opera a costo zero per lo Stato?

«Non sono previsti contributi e finanziamenti statali – ha ribadito Nencini -. L'opera da 480 milioni, in concessione alle imprese per 36 anni, compresi i 6 anni per la costruzione, sarà realizzata con investimenti privati».

Il progetto si ripagherà con i pedaggi, ma quanto costerà a camionisti e automobilisti? «Il pedaggio è tutto da costruire, potremmo sperimentare forme diverse di tariffe, in base alle fasce orarie, con abbonamenti o gratuità per i residenti. Ne discuteremo con serenità con gli esecutori.

Per ora la previsione di pedaggio è di 24 centesimi a chilometro per le auto e 48 centesimi al chilometro per i mezzi pesanti» ha concluso Nencini. Quindi 2,5 euro per le auto e 5 euro per i camion, dato il tracciato da 10,7 km che da via Mattei si ricongiunge con il casello A14 a Casine di Paterno, con una bretella a 4 corsie che entra in galleria alla Palombella all'altezza dell'ex Benincasa.

Il vice ministro ha poi “blindato” l'Ap e la conferma di Giampieri come presidente con pieni poteri, dopo oltre un anno di commissariamento. «Ancona è un porto centrale nella strategia dei corridoi infrastrutturali europei, ma senza l'autonomia dell'Autorità portuale, ogni intervento infrastrutturale sarebbe indebolito. E aggiungo che da parte del Ministero c'è apprezzamento condiviso verso il lavoro di Giampieri. Tra febbraio e marzo il Ministero affronterà la riforma della portualità, tenendo conto di questo quadro» ha risposto Nencini.


di Emanuele Garofalo
    redazione@vivereancona.it





Questo è un articolo pubblicato il 16-01-2015 alle 22:59 sul giornale del 17 gennaio 2015 - 5406 letture

In questo articolo si parla di ancona, marche, spacca, porto di ancona, Autorità portuale, uscita ad ovest, Pedaggi, riccardo nencini, nencini, dossier marche, Emanuele Garofalo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/ad8b





logoEV
logoEV