contatore accessi free

Spaccio in via Podesti, la Mobile arresta giovane pusher. A casa droga in una pianta ornamentale

spaccio 2' di lettura Ancona 19/03/2015 - Spacciava in via Podesti ad Ancona, ma a casa ancora di più: droga in una pianta ornamentale e tutto il materiale per il confezionamento. A finire nei guai, grazie alla Squadra Mobile, un giovane tunisino.

Altro arresto da parte della Squadra Mobile dorica nel tardo pomeriggio di mercoledì quando gli uomini della sezione antidroga hanno pizzicato sul fatto un tunisino. Un lungo appostamento in via Podesti, dopo numerosi servizi di osservazione svolti, permettevano di accertare che un extracomunitario era solito spacciare nella zona. Sebbene gli inquirenti non avessero ancora individuato la persona, dopo l’ennesimo appostamento, nascosti tra i vicoli della zona, ci hanno visto chiaro. A finire nei guai il tunisino M.M.O., classe ’86.

Quella di Via Podesti e vicoli adiacenti era diventata la sua zona preferita. Era convinto che la mobilità delle auto della Polizia in quelle strade sarebbe stata difficile quindi, sarebbero state minori le possibilità di avere visite non gradite. Inoltre lo spacciatore sapeva bene che in caso di fuga sarebbe stato impossibile prenderlo visto che in quei vicoli era di casa… Alle 16 circa di ieri, si vedeva avvicinare un’auto condotta da un eroinomane già noto ai poliziotti. In pochi secondi gli uomini della narcotici vedevano M.M.Q. salire a bordo dell’auto e consegnare la droga all’acquirente. Grazie all’intervento immediato gli investigatori si riuscivano a bloccare nella flagranza di reato il tunisino dopo che aveva ceduto un involucro di eroina di 2,5 grammi al giovane acquirente. Vistosi raggiungere dalla Polizia lo spacciatore cercava di liberarsi di altri 6 involucri di eroina nascondendoli sotto il tappetino dell’auto del suo cliente.

Nonostante la mancanza di collaborazione da parte de tunisino, i poliziotti, che da giorni lo tenevano d’occhio e avevano capito bene dove abitasse, si portavano presso la sua dimora dove, nascosti nella terra di una pianta ornamentale, trovavano altri tre involucri dello stesso tipo, contenenti di eroina. Oltre allo stupefacente il personale della Squadra Mobile rinveniva e sequestrava anche tutto il materiale per il confezionamento della droga. Tra cui un bilancino di precisione, ritagli e non solo. L'uomo, su disposizione del Dott Lioniello Sostituto Procuratore della Procura della Repubblica di Ancona, ora si trova agli arresti domiciliari, dove si trova ancora anche dopo il giudizio direttissimo di giovedì mattina.






Questo è un articolo pubblicato il 19-03-2015 alle 15:53 sul giornale del 20 marzo 2015 - 1069 letture

In questo articolo si parla di cronaca, redazione, ancona, spaccio, vivere ancona, laura rotoloni, vivereancona.it, redazione@vivereancona.it, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/agYa





logoEV
logoEV