contatore accessi free

Falconara: brandisce un martello per farsi giustizia da solo e colpisce cliente ubriaca

1' di lettura 04/11/2018 - Una cliente ubriaca fa trasformare il barista da vittima a carnefice dopo l’ennesimo bicchiere negato. Sul posto nella notte i Carabinieri

Sembrava una lite come tante, quelle tra un barista ed un cliente in preda ai fumi dell’alcol, ma la vicenda finisce male per il gestore. La cliente, una nota pregiudicata rumena, era già stata allontanata con il provvedimento del foglio di via dal Comune di Falconara e più volte denunciata per inottemperanza allo stesso provvedimento, non ha resistito e si è resa per l’ennesima volta protagonista di violenza del quale, nella circostanza, è rimasta persino vittima.

La donna, era già in evidente stato di ubriachezza, quando all’ennesimo bicchiere negato dal proprietario di un bar del centro, si è scagliata contro l’uomo, tentando di colpirlo al volto. Non è la prima volta che accade, recente infatti l’arresto della rumena da parte dai carabinieri. Alle spalle un curriculum folto per lesioni, violenza e resistenza a pubblico ufficiale.

Questa volta tuttavia l’epilogo è stato inaspettato, il barista difatti, sentitosi minacciato, ha pensato bene di brandire un martello e farsi giustizia da solo. La donna è stata infatti colpita alla testa con l’arnese e per le ferite riportate è stata trasportata presso il pronto soccorso di Torrette: tre punti di sutura questa volta, nulla di serio. Il barista invece dovrà rispondere di lesioni personali aggravate.

Dopo il primo intervento della polizia locale, sono infatti sopraggiunti i carabinieri della Tenenza di Falconara che hanno posto sotto sequestro il martello utilizzato nell’aggressione e l’impianto di videosorveglianza interno, al fine di meglio ricostruire la vicenda e verificare l’eventuale presenza di scriminanti del reato a favore dell’imprenditore.






Questo è un articolo pubblicato il 04-11-2018 alle 12:15 sul giornale del 05 novembre 2018 - 3192 letture

In questo articolo si parla di cronaca, redazione, ancona, vivere ancona, laura rotoloni, vivereancona.it, redazione@vivereancona.it, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/aZ3S