contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > POLITICA
comunicato stampa

Falconara, Comitato Mal’aria e Ondaverde: ''Situazione insostenibile, continue esalazioni intense di idrocarburi''

1' di lettura
1352

raffineria api

27 e 28 dicembre: continuano numerose le segnalazioni, da parte della cittadinanza, di aria ammorbata da pesanti esalazioni di idrocarburi.

Dette esalazioni hanno quotidianamente accompagnato le festività natalizie dei falconaresi, diventando più intense dell’abituale sin dal 23 dicembre. In queste giornate le persone oltreché incontrarsi all'interno delle proprie famiglie dovrebbero poter uscire, vivendo gli spazi della propria città e usufruendo dei servizi degli esercenti locali, ma di questa libertà in molti non riescono più pienamente a godere, se non esponendosi al rischio di respirare olezzi intensissimi di idrocarburi.

Dal nostro punto di vista la situazione è insostenibile, necessitano interventi volti a bloccare le attività che stanno rendendo irrespirabile l'aria nel Comune di Falconara e limitrofi. Le esalazioni stamane oltre ad essere avvertite anche a Castelferretti si spingevano verso Chiaravalle ed hanno interessato intensamente la zona nord di Falconara (via Cesanelli, zona Piazza Mazzini, stazione fs, etc.).

Non ci rassegneremo mai a questo stato di cose, continuiamo a sostenere che le criticità debbano essere affrontate alla radice e se necessario le lavorazioni fermate. Non si può più andare avanti così, la situazione è insostenibile e preoccupante allo stesso tempo. Da quali e quanti punti degli impianti industriali fuoriescono dette esalazioni? Come al solito nulla è dato sapere, ma trattandosi di fonti emissive causa di tante infinite e patite emissioni industriali questo è inaccettabile. I cittadini potranno sperare almeno in un intervento della Procura della Repubblica di Ancona? Da molto tempo (2015) è in corso un’ulteriore inchiesta oltre quella recente relativa l’incidente al tk61 (aprile 2018).



raffineria api

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 28-12-2018 alle 17:05 sul giornale del 29 dicembre 2018 - 1352 letture