Si fingono avvocati per spillare soldi agli anziani, ma due anconetane non ci cascano

Truffa Ancona 12/04/2019 - Tentata truffa ai danni di anziani: spacciandosi per avvocati chiedono soldi per il rilascio dei familiari, truffatori messi in fuga da due arzille vecchine.

È avvenuto giovedì mattina, quando al 113 della Questura di Ancona sono arrivate diverse segnalazioni di persone che avevano ricevuto telefonate del genere: "Signora sono l’avvocato dell’assicurazione...suo nipote ha causato un incidente stradale con feriti e adesso è in Questura…è necessario pagare 4.000 euro per poter tornare a casa". Poco dopo l'arrivo di un uomo che suona al citofono e chiede le somme di denaro, in contanti o anche in oggetti preziosi.

Due signore anconetane di 79 e 87 anni, abitanti nei quartieri Posatora e Grazie, non sono però cadute nella trappola e hanno subito chiamato il 113. L'operatore ha detto loro di non aprire e attendere l'arrivo delle volanti. La Squadra Mobile sta indagando per ricostruire i fatti e risalire all'identità dei truffatori.

La Questura di Ancona invita ancora una volta tutta la cittadinanza a non aprire a soggetti sconosciuti e a segnalare subito al 113 eventuali richieste telefoniche di denaro.






Questo è un articolo pubblicato il 12-04-2019 alle 15:00 sul giornale del 13 aprile 2019 - 1927 letture

In questo articolo si parla di cronaca, polizia, truffa, marco vitaloni, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a6sa