Sirolo: domenica l'inaugurazione della piazza Vittime del Dovere

carabinieri generico 2' di lettura 17/05/2019 - L'amministrazione comunale di Sirolo intitolerà una piazza centrale, posta tra via Sant'Antonio e via Le Vigne, alle "Vittime del Dovere", mediante anche collocazione di una statua del Cristo Redentore con una targa dal seguente letterale tenore "VITA MORTUORUM IN MEMORIA EST POSITA VIVORUM" (Marco Tullio Cicerone) - La vita dei morti è riposta nel ricordo dei vivi. L'Amministrazione Comunale pose nel 2019 in perenne ricordo delle vittime del dovere".

L'inaugurazione avverrà Domenica 19 Maggio 2019, alle ore 10,30, alla presenza delle più alte autorità civili e militari. La piazza verrà intitolata alle "Vittime del Dovere" ossia ai magistrati, operatori di polizia, delle forze dell'ordine e altri dipendenti pubblici deceduti o che abbiano subito un'invalidità permanente in attività di servizio o nell'espletamento delle funzioni, per effetto diretto di lesioni riportate in conseguenza di eventi verificatesi nel contrato ad ogni tipo di criminalità, nello svolgimento di servizi di ordine pubblico, nella vigilanza di infrastrutture civili e militari, in operazioni di soccorso, in attività di tutela della pubblica incolumità, in attività di prevenzione o di repressione dei reati.

All'inaugurazione parteciperà il generale dell'Arma dei Carabinieri Rosario Aiosa, medaglia d'oro al valore militare per la c.d. "Battaglia delle Marche" di Porto S. Giorgio e Civitanova Marche del 18/05/1977, in cui perirono i carabinieri Beni e Piermanni e in cui fu gravemente ferito il generale Aiosa.

L'Amministrazione Comunale spiega le ragioni dell'intitolazione della piazza: "Sirolo ha inteso, primo comune delle Marche, omaggiare le "Vittime del Dovere", ossia coloro che, con atti di vero e proprio eroismo, hanno sacrificato la loro persona nell'adempimento del loro dovere e a servizio della comunità ed a cui la collettività deve perenne gratitudine".

L'inaugurazione - non a caso - avviene nella ricorrenza dei quarantadue anni della c.d. "Battaglia delle Marche" del 18/05/1977 in cui prodi e valorosi ufficiali e sottoufficiali dell'Arma dei Carabinieri furono uccisi e/o gravemente feriti, come il generale Aiosa, durante due conflitti a fuoco con alcuni dei criminali più pericolosi d'Italia. Sirolo e le Marche ricordano sempre i loro eroi".






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 17-05-2019 alle 18:11 sul giornale del 18 maggio 2019 - 1345 letture

In questo articolo si parla di attualità, carabinieri, sirolo, Comune di Sirolo, vittime del dovere

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a7CB





logoEV
logoEV