Corto Dorico, è record di iscrizioni: oltre 400 opere inviate da 50 paesi

3' di lettura Ancona 17/09/2019 - Un filmato raro, girato nella primavera del 1934 per immortalare il varo dell’incrociatore Grecale nel cantiere di Ancona, è il teaser che annuncia la 16esima edizione del film festival di Ancona “Corto Dorico”, dal 30 novembre al 7 dicembre.

Il filmato, montato dalla videoartista Camilla Magnalardo, proviene dall’archivio di un avvocato anconetano, cineamatore, che tra fine anni Venti e primi Quaranta del Novecento filmò con pellicole Pathè Baby 9,5 mm scene di vita della sua famiglia, ad Ancona e Lucera. Con questa scelta il festival Corto Dorico, diretto da Daniele Ciprì e Luca Caprara, continua la sua ricerca sull’immaginario e la memoria, valorizzando il patrimonio di film familiari girati in pellicola, in collaborazione da quest’anno con le associazioni Il Mascherone di Ancona e Home Movies di Bologna. Il teaser sarà visibile nella pagina Facebook www.facebook.com/corto.dorico e nel sito www.cortodorico.it.

Corto Dorico 2019 è co-organizzato da Nie Wiem e Comune di Ancona, con il contributo dei partner istituzionali Mibac Direzione Generale per il Cinema, Regione Marche, La Mole, Università Politecnica delle Marche, con il sostegno di Amnesty International Italia, Coop Alleanza 3.0, Ombudsman delle Marche, Polo 9, IIK Ancona e in collaborazione con oltre 40 sponsor privati.

A pochi giorni dalla scadenza del bando, sono già oltre 400 le opere inviate, da oltre 50 paesi del mondo, al concorso per cortometraggi, perno del festival. Da quest’anno il premio “A Corto di Diritti” di Amnesty International Italia diventa “Short on Rights”, trasformandosi nella sezione internazionale del festival. Le iscrizioni si chiuderanno sabato 21 settembre (maggior informazioni nel sito).

Mentre lavora a distanza sul programma di Corto Dorico con lo sceneggiatore Luca Caprara, Daniele Ciprì sta effettuando i sopralluoghi in Sicilia per la serie “Anna”, tratta dal romanzo di Niccolò Ammaniti, in attesa di curare la postproduzione del film di Ficarra e Picone, nelle sale il 12 dicembre, con la fotografia di Ciprì. Entro il 1° ottobre si saprà infine se correrà per gli Oscar La paranza dei bambini o Il primo re, entrambi film di cui Ciprì ha curato la fotografia. In giro per il mondo il direttore artistico di Corto Dorico non smette di promuovere il festival e ricordare l’importanza della memoria, in un tempo in cui, sostiene, "non esiste più la memoria, intendo la memoria materica, perché il digitale è solo consumismo".

Domenica 22 settembre inizia la serie di eventi targata “Aspettando Corto Dorico”: alla Casa delle Culture di Ancona, ore 18, sarà proiettato il video “La nave dei folli”, realizzato nell’ambito del laboratorio Cinebimbi della Scuola delle Arti per Bambini, con il contributo della scuola di lingue IIK Ancona, la cooperativa Polo 9, Marche Tube, in collaborazione con la libreria Oh che bel Castello. Nell’occasione sarà presentata l’edizione 2019-2020 del laboratorio Cinebimbi (info: 3386268691).

Sempre per la serie “Aspettando Corto Dorico”, lunedì 23 settembre il festival promuove la visione del film documentario “Antropocene – L’epoca umana”, ore 19.30, al Cinema Azzurro di Ancona.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 17-09-2019 alle 16:48 sul giornale del 18 settembre 2019 - 386 letture

In questo articolo si parla di cinema, ancona, spettacoli, corto dorico

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/baHR