Aspettando Corto Dorico, alla Casa delle Culture sette cortometraggi sul tema dei migranti

3' di lettura Ancona 14/11/2019 - Venerdi’ 15 novembre alle 21.00 appuntamento, alla Casa delle Culture di Ancona, con Aspettando Corto Dorico. Per l’occasione l’Associazione di Promozione Sociale Nie Wiem, che co-organizza il festival con il comune di Ancona, presenta una selezione di corti italiani sul tema dei migranti.

Si apre, con Aspettando Corto Dorico, una finestra su una delle realta’ piu’ tragiche e dibattute dei nostri giorni, attraverso un percorso che portera’ alla XVI edizione (30 novembre – 7 dicembre) di uno dei festival piu’ importanti ed amati del centro Italia. L’evento è nato grazie al bando “MigrArti – Spettacolo e Cinema”, che ha stimolato tanti giovani registi a raccontare attraverso la forza evocativa e dirompente delle immagini questo tema. “MigrArti” ha l’obiettivo di contribuire alla valorizzazione e alla diffusione delle culture di provenienza delle comunità di immigrati stabilmente residenti in Italia, nell’ottica dello sviluppo della reciproca conoscenza, del dialogo interculturale e dell’inclusione sociale.

Negli ultimissimi anni sono stati davvero tanti i corti che si sono distinti, per qualita’ cinematografiche e capacita’ di veicolare al pubblico la potenza di un messaggio sociale. Corto Dorico ne propone una selezione, frutto di un’accurata scelta, fatta tenendo conto di tutte le sfaccettature che un tema, cosi’ complesso, porta con sé. Dall’emergenza degli sbarchi alle questioni relative all’inclusione sociale e lavorativa, dall’urgenza dei diritti alla piaga mai sopita del razzismo. In pochi minuti, come spesso solo le immagini e il cinema sanno fare, questi cortometraggi raccontano l’urgenza di un tema che si trasforma in una presa di coscienza e un atto di grande condivisione sociale.

Saranno 7 i cortometraggi a declinare il tema: Piove di Ciro d’Emilio che racconta con grande delicatezza, in soli 7 minuti, un momento di gioia di quattro ragazze africane costrette a prostituirsi. Frontiera di Alessandro Di Gregorio. Miglior cortometraggio David di Donatello 2019. Un adolescente al primo giorno di lavoro da necroforo e un ragazzo alla prima missione da sommozzatore sono sul ponte di un traghetto diretto a Lampedusa. Non si conoscono, ma quando mettono piede sull'isola le loro vite cambiano per sempre: uno deve recuperare i corpi dei naufraghi, l'altro li deve seppellire.

Bismillah di Alessandro Grande, vincitore del David di Donatello 2018 per il Miglior Cortometraggio, ha per protagonista Samira, una bambina tunisina di 10 anni che vive illegalmente in Italia con suo padre e suo fratello che di anni ne ha 17. Una notte si troverà ad affrontare da sola un problema più grande di lei. Valparaiso di Carlo Sironi è incentrato sul disagio senza via di fuga di un’immigrata irregolare intrappolata tra un centro di identificazione ed espulsione e una gravidanza indesiderata.

Eternit firmato da Giovanni Aloi e presentato in concorso alla 72esima Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, nella sezione Orizzonti, racconta di Ali, un immigrato tunisino che lavora per bonificare il distretto ceramico di Sassuolo in cui l’amianto ricopre i tetti di molti capannoni. Futuro Prossimo di Salvatore Mereu, presentato nella sezione Orizzonti della 74esima mostra del cinema di Venezia, racconta le tantissme vite invisibili dei migranti. Realizzato con gli studenti dell’università di Cagliari è interpretato da attori migranti non professionisti.

Magic Alps di Andrea Brusa e Marco Scotuzzi, è stato l’unico corto italiano in concorso alla 40° edizione di Clermont-Ferrand nel 2018. Protagonista un rifugiato afgano che arriva in Italia con la sua capra per chiedere asilo politico. Un funzionario dell’immigrazione sul confine italiano si trova in difficoltà non sapendo che cosa fare dell’animale. Il film è basato su una storia vera.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-11-2019 alle 17:05 sul giornale del 15 novembre 2019 - 515 letture

In questo articolo si parla di attualità, ancona, corto dorico, Casa delle Culture di ancona

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bcOx





logoEV