Aerdorica, Paolini (Lega): ''Inchiesta già su binario morto, fatti da noi già denunciati nel 2012''

Luca Paolini Lega Nord 1' di lettura Ancona 24/01/2020 - "L'inchiesta sul caso Aerdorica è già su un binario morto. Ammesso e non concesso che l'ex presidente D'Ambrosio abbia commesso l'ipotizzato peculato, il reato sarebbe già prescritto o destinato a prescriversi certamente prima di un'eventuale sentenza definitiva". Così il deputato della Lega Luca Rodolfo Paolini, componente della commissione Giustizia e Antimafia, sull'inchiesta Aerdorica

"Solo parzialmente diversa - continua Paolini - sarebbe la posizione dell'ex Presidente Spacca visto che processi come questi hanno una durata media di 8-10 anni e che si applicherebbero le norme sulla prescrizione vigenti all'epoca dei fatti. Ricordo però che nel 2012 e nel 2013 la Lega delle Marche presentò esposti articolati e documentati, svolse manifestazioni e indisse conferenze stampa sulla gestione di Aerdorica e dell'Aeroporto di Falconara.

Come deputato e cittadino mi chiedo dunque come mai, dopo otto anni, ci si trovi ancora nella fase delle proroga delle indagini preliminari. Tradotto in parole povere significa che l'eventuale processo in cui sfocerebbero tali indagini nascerebbe già mutilato, in grandissima parte, dalla prescrizione maturata per tutti o quasi gli indagati. La vicenda conferma l'urgenza e la indispensabilità di una riforma della giustizia, che solo chi non vuol vedere la realtà può credere essere riconducibile ad un mero ed incivile allungamento sine die dei termini prescrizionali".


da Luca Rodolfo Paolini
       parlamentare Lega 





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 24-01-2020 alle 17:18 sul giornale del 25 gennaio 2020 - 648 letture

In questo articolo si parla di politica, aerdorica, Luca Paolini, lega nord, comunicato stampa