Coronavirus, mascherine a 5mila euro: la guardia di finanza interviene

1' di lettura Ancona 27/02/2020 - Il coronavirus porta con sé psicosi e soprattutto sciacalli, pronti ad approfittare dell’emergenza sanitaria.

Le mascherine, che ormai sono diventate introvabili a causa dell’epidemia coronavirus, hanno raggiunto prezzi esorbitanti, fino a 5000 euro, tanto che la guardia di finanza è intervenuta attuando perquisizioni in varie località italiane, a carico di una ventina di soggetti, rei di aver approfittato dello scompiglio generale e dell’emergenza sanitaria.

Grazie alla vasta operazione coordinata dalla procura di Torino, la guardia di finanza ha scoperto una speculazione che ha portato a sequestri in diverse località italiane. Il mercato nero quindi, ha fiutato l’affare dei prodotti di protezione individuale, come mascherine e disinfettanti, venduti a prezzi esagerati.

A Milano, sono comparse bancarelle abusive nei mezzanini della metropolitana, piene di mascherine già aperte e pronte all’uso; mentre a Roma è stato fermato un 49enne proveniente dal Bangladesh che aveva nel suo zaino oltre 150 mascherine. Nei confronti di quest’ultimo è scattata una sanzione di 5mila euro per la violazione del Regolamento di Polizia Urbana.






Questo è un articolo pubblicato il 27-02-2020 alle 12:03 sul giornale del 28 febbraio 2020 - 1312 letture

In questo articolo si parla di cronaca, Maria Luigia Lapenna

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bgPA





logoEV