Dipende da noi: "Preoccupati per la gestione dell'emergenza. Si tuteli il personale sanitario"

3' di lettura Ancona 02/04/2020 - In questa fase di emergenza sanitaria acuta e generalizzata, mettendo da parte qualsiasi spirito di polemica, esprimiamo anzitutto la nostra disponibilità a sostenere chi in questo momento deve svolgere funzioni di governo a tutti i livelli per il bene delle persone e per la salute pubblica.

Sentiamo nel contempo il dovere di esprimere la nostra forte preoccupazione per le notizie di stampa che
riferiscono di come ancora oggi in varie zone della nostra regione la dotazione di presidi sanitari di protezione
(mascherine, tute, guanti, occhiali, schermi facciali, ecc.) sia insufficiente per tutelare adeguatamente gli
operatori sanitari che per tali carenze hanno già pagato un prezzo troppo alto. Carenze registrate in particolare
riguardo gli operatori del sistema del soccorso costituito in gran parte da volontari, tra i quali molti sono stati
già contaminati.

Proponiamo che urgentemente sia effettuato sullo stesso personale sanitario il controllo dei tamponi con
modalità sistematiche, ripetute regolarmente a congrua distanza di tempo. Questa misura urge altresì per il
monitoraggio e il sostegno del personale delle RSA, che sono luoghi fortemente a rischio, nei quali gli operatori
in queste settimane sono già stati falcidiati. Per la situazione in cui si trovano i ricoverati in queste strutture
occorre rafforzare ogni intervento di tutela e di assistenza anche psicologica, scongiurando il più possibile che
si moltiplichino i contagi.

La tutela del personale sanitario particolarmente esposto al contagio è comunque la misura primaria per
sconfiggere l’epidemia, che come dimostrato dall’esperienza già maturata richiede un intervento preventivo,
che interrompa la catena dei contagi. In quest’ottica evidenziamo l’esigenza di provvedere all’isolamento delle
persone contagiate e all’accertamento dei loro contatti; ed alle persone contagiose che non dispongano di
alloggi idonei a consentire un adeguato isolamento dai propri familiari è indispensabile offrire sistemazioni in
strutture residenziali approntate allo scopo, sia al momento dei primi riscontri del virus che nei giorni successivi alle loro dimissioni dai nosocomi.

Ricordiamo la necessità che i piani di intervento della Regione riguardo a ogni aspetto dell’attuale emergenza
sanitaria coprano tutte le esigenze del territorio regionale in modo omogeneo in ogni provincia. A tale scopo è
essenziale il coordinamento con i sindaci, che sono il riferimento più vicino per i cittadini.

Chiediamo alla Regione di fare ogni sforzo per risolvere quanto prima il problema del reperimento del
personale sanitario oggi mancante a causa delle politiche di taglio dei bilanci della sanità attuate in questi anni
e ribadiamo l’importanza di riattivare quei presidi sanitari territoriali dismessi in parte o del tutto che si rivelino
particolarmente adatti per rispondere in tutta la regione Marche alle esigenze dell’emergenza attuale.
Chiediamo altresì alla Giunta regionale di tornare sulla scelta di indirizzare risorse economiche dei cittadini
marchigiani verso conti correnti privati, attivando invece un conto corrente pubblico per raccogliere i fondi
destinati a sostenere gli interventi sanitari. Ciò consentirà di evitare il ricorso a enti privati che comunque, per
loro natura, sono inappropriati a tali finalità.

Sottolineiamo infine l’importanza di assicurare in una fase cosi delicata una comunicazione chiara e diretta
che spieghi ai cittadini quali misure si stanno prendendo e in base a quali criteri. Una comunicazione chiara è
parte integrante delle responsabilità di governo e risponde a un preciso diritto della cittadinanza. Essa serve
anche a neutralizzare il diffondersi di false notizie, che in situazioni simili possono diffondersi mettendo in
pericolo la stessa coesione sociale.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 02-04-2020 alle 09:15 sul giornale del 03 aprile 2020 - 190 letture

In questo articolo si parla di attualità, comunicato stampa, dipende da noi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/biRR





logoEV
logoEV